Confcommercio

Per la prima volta dopo 25 anni di crescita ininterrotta, il Covid riduce la quota di valore aggiunto del terziario di quasi il 10% nel 2020 (-9,6% rispetto al 2019). Gli effetti della pandemia hanno impattato sui consumi con quasi 130 miliardi di spesa persa, di cui l’83%, pari a circa 107 miliardi, in soli quattro settori: abbigliamento e calzature, trasporti, ricreazione, spettacoli e cultura e alberghi e pubblici esercizi. Sull’occupazione, i servizi di mercato registrano la perdita di 1,5 milioni di unita’. Questo il quadro che emerge dal rapporto dell’Ufficio studi Confcommercio “La prima grande crisi del terziario di mercato”.

 

Seguici sulla nostra Pagina Facebook Il Rinascimento.

Potresti leggere

Berlusconi si prende Nordio e lo porta in Fi

Dopo molto tempo, l’Italia ha un ministro della Giustizia di cultura liberale…

Stipendi d’oro a vigili, De Luca condannato dalla Corte dei Conti al pagamento di 60 mila euro

Arriva la condanna per Vincenzo De Luca sulla vicenda di un aumento…

Cospito: Salvini, Donzelli e Delmastro non in discussione

(ANSA) – MILANO, 01 FEB – “Non penso che si possano mettere…