Confcommercio

Per la prima volta dopo 25 anni di crescita ininterrotta, il Covid riduce la quota di valore aggiunto del terziario di quasi il 10% nel 2020 (-9,6% rispetto al 2019). Gli effetti della pandemia hanno impattato sui consumi con quasi 130 miliardi di spesa persa, di cui l’83%, pari a circa 107 miliardi, in soli quattro settori: abbigliamento e calzature, trasporti, ricreazione, spettacoli e cultura e alberghi e pubblici esercizi. Sull’occupazione, i servizi di mercato registrano la perdita di 1,5 milioni di unita’. Questo il quadro che emerge dal rapporto dell’Ufficio studi Confcommercio “La prima grande crisi del terziario di mercato”.

 

Seguici sulla nostra Pagina Facebook Il Rinascimento.

Potresti leggere

Napoli, Laboccetta (Polo Sud): “Il centrodestra se vuole vincere le elezioni non può più perdere tempo”

“Il centrodestra a Napoli se vuole puntare veramente a vincere e conquistare…

Caso Report, Salvini difende Renzi

“Non ho visto il servizio di Report, io di esponenti dei Servizi…

Centrodestra, Meloni non molla: “Chi prende più voti fa il premier”

Nel centrodestra, su “chi deve fare il presidente del Consiglio la regola…