Confcommercio

Per la prima volta dopo 25 anni di crescita ininterrotta, il Covid riduce la quota di valore aggiunto del terziario di quasi il 10% nel 2020 (-9,6% rispetto al 2019). Gli effetti della pandemia hanno impattato sui consumi con quasi 130 miliardi di spesa persa, di cui l’83%, pari a circa 107 miliardi, in soli quattro settori: abbigliamento e calzature, trasporti, ricreazione, spettacoli e cultura e alberghi e pubblici esercizi. Sull’occupazione, i servizi di mercato registrano la perdita di 1,5 milioni di unita’. Questo il quadro che emerge dal rapporto dell’Ufficio studi Confcommercio “La prima grande crisi del terziario di mercato”.

 

Seguici sulla nostra Pagina Facebook Il Rinascimento.

Potresti leggere

Vertice Nato il 24 marzo, ci sarà anche Joe Biden

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha comunicato che il prossimo…

Forza Italia, asse Caldoro-Patriciello (che ha votato De Luca)

“L’obiettivo di tutti è quello di realizzare un percorso unitario nella riorganizzazione…

Berlusconi rilancia la flat tax al 23 %

“Subito la flat tax al 23%. È la rivoluzione copernicana non solo…