“Difficile mettere in opera i nove corridoi umanitari per evacuare i civili concordati per oggi nell’Ucraina orientale e meridionale e annunciati dal vice primo ministro ucraino”, è questa la denuncia di una portavoce del Comitato Internazionale della Croce Rossa, Lucile Marbeau, citata dalla Bbc.

In aree come Mariupol, ha riferito, i corridoi di evacuazione si sono dimostrati ancora piu’ difficili: “con le persone che cercano di uscire dalla citta’, la linea del fronte e’ sempre volatile, le tregue sono fragili, e c’e’ anche bisogno che l’intera catena di comando sia consapevole di questa tregua, qual e’ il percorso preciso, qual e’ la tempistica, e questo e’ cio’ che lo rende cosi’ difficile da attuare”, ha spiegato Lucile Marbeau parlando al Today Programme di Radio 4.

Tuttavia, ha riferito che i corridoi umanitari hanno avuto successo in alcune zone, con 2.500 persone evacuate ieri dalle regioni di Donetsk e Lugansk.

Potresti leggere

Tetto al contante, la Meloni: “Nessuna correlazione con evasione fiscale, lo modificheremo”

“Non c’è correlazione tra il limite al contante e l’evasione fiscale”, sono…

Colle, ecco Draghi. Berlusconi si sfila

Perde quota, intanto, l’ipotesi della candidatura di Berlusconi al Quirinale, mentre si…

Tetto al prezzo del gas, Berlino: “Pronti a collaborare con gli alleati”

“Il governo tedesco è complessivamente pronto a collaborare con i governi dei…