I carabinieri del Nas hanno riscontrato irregolarità in 165 posizioni lavorative durante i controlli effettuati da metà novembre in ospedali e Rsa di tutta Italia. Strutture che, spiegano i militari, “ricorrono sempre più spesso a contratti di appalto per avvalersi di professionalità sanitarie – medici, infermieri ed operatori sanitari – forniti da società esterne, solitamente riconducibili a cooperative”. I controlli hanno riguardato 1.934 strutture sanitarie, con il monitoraggio di 637 imprese/cooperative private e la verifica di oltre 11.600 figure tra medici (13%), infermieri (25%) e altre professioni sanitarie (62%).

Potresti leggere

Trenitalia nel caos: attacco hacker

Sarebbero frutto di un attacco hacker i disservizi segnalati da Ferrovie e…

Italiano intrappolato in Ucraina: “Spero che muri casa reggano durante bombardamenti”

Lui è uno dei nostri 34 connazionali ‘intrappolati’ nelle città assediate dall’esercito…

“Non faremo la fine dell’Urss”, Putin si paragona a Pietro il Grande. Nel Donbass britannici condannati a morte e l’Ue accelera per l’adesione di Kiev

Nei commenti rilasciati alle tv russe in occasione del 350mo anniversario dalla…