Il cinquantesimo giorno di guerra in Ucraina si apre con le notizie he arrivano dal Mar Nero sulle sorti dell’incrociatore lanciamissili russo ‘Mosca’ il cui equipaggio – secondo alcune fonti più di 500 marinai – è stato evacuato. Kiev afferma di averlo colpito ieri con due missili Neptune mentre si trovava al al largo di Odessa.

Secondo Mosca, la grande nave da guerra è stata invece seriamente danneggiata per l’esplosione delle munizioni che trasportava, in seguito a un incendio sviluppatosi a bordo. Ieri il governatore di Odessa, colonnello Maksym Marchenko, aveva confermato attraverso il suo canale ufficiale Telegram che la nave era stata colpita dai missili ucraini ed era in fiamme al largo della città. Sempre secondo Marchenko, quando è stata colpita la nave si trovava nelle acque territoriali ucraine davanti all’Isola dei Serpenti.

L’incrociatore non è affondato e le esplosioni di munizioni a bordo sono cessate, ha reso noto in mattinata il ministero della Difesa in un comunicato. “Non ci sono incendi attivi. Le esplosioni di munizioni si sono fermate. L’incrociatore Moskva rimane a galla”, recita la nota, aggiungendo che sono in corso le indagini per stabile le cause dell’incendio che ha provocato l’esplosione delle munizioni. L’ammiraglia russa nel Mar Nero sarà rimorchiata in porto.

La perdita dell’incrociatore rappresenta un duro colpo per i militari russi. Le agenzie di stampa russe riportano che aveva a bordo 16 missili da crociera antinave Vulkan che hanno una gittata di almeno 700 chilometri. Stamani le autorità di Odessa hanno riferito di aver avuto conferme sul fatto che l’unità navale sia stata colpita, ed ora si teme che i militari russi preparino una risposta sulla città. E infatti due esplosioni sono state udite non lontano dal porto poco dopo le 10 locali (le 9 in Italia). “A causa delle esplosioni appena sentite in città, vi chiediamo di mantenere la calma e rimanere al riparo. Al momento non c’è pericolo per la popolazione civile”, ha affermato il servizio stampa del comando operativo meridionale sulla sua pagina Facebook.

Potresti leggere

Allarme incendi boschivi in Europa, 2022 peggiore record mai registrato

Triste record. L’area bruciata dagli incendi boschivi in Europa finora quest’anno è…

Ucraina, bombardata anche Leopoli: truppe russe attaccano base militare vicino al confine polacco

Sirene d’allarme in quasi tutte le regioni, esplosioni e paura, si conclude…

Elezioni: Berlusconi, elimineremo Imu su immobili occupati o inagibili

La casa non è solo il luogo che ci è più caro,…