“Il nemico conosce bene le nostre proposte per la smilitarizzazione e la denazificazione dei territori controllati dal regime, l’eliminazione delle minacce alla sicurezza della Russia provenienti da li’, compresi i nuovi territori (le repubbliche di Donetsk e Lugansk e le regioni di Kherson e Zaporizhzhia).

Non resta che accettarle e realizzarle nel miglior modo possibile, altrimenti, la questione sara’ decisa dall’esercito russo”. sono queste le parole del ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, in una intervista alla Tass. Parole che sembrano essere quasi un ultimatum.

Potresti leggere

Ue, Borrell: “Pronti a donare munizioni a Kiev”

Il piano Ue per fornire le munizioni all’Ucraina consiste in tre parti…

Berlusconi su Draghi: “Era stanco e non voleva il bis”

“Draghi probabilmente era stanco e ha colto la palla al balzo per…

Elezioni Quirinale, Letta rompe la pagliacciata: “Chiudiamoci in una stanza e usciamo con il nome”

“La proposta che facciamo è quella di chiuderci dentro una stanza e…