Via libera dell’Aula della Camera alla Manovra. Il testo è stato approvato a Montecitorio con 197 voti a favore, 129 contrari e due astenuti.

“È come gli aerei, quando c’è un po’ di turbolenza, l’importante è atterrare”, sono queste le parole del ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti che raccontano il volo della legge di bilancio, tormentato da innumerevoli imprevisti anche prima di toccare terra.

Sono state diverse le retromarce e correzioni in corsa. A partire dal refuso che eliminava il tetto al contante assieme alla norma sul Pos. O l’emendamento da quasi mezzo miliardo per i Comuni, senza copertura, che dopo i rilievi della Ragioneria di Stato ha costretto a un passaggio supplementare in commissione Bilancio per lo stralcio.

Si aggiunge anche l’emendamento per inserire la Carta cultura giovani nei giorni scorsi aveva di fatto escluso i fondi per l’acquisto di Villa Verdi da parte dello Stato, per la cui salvezza un mese fa si era impegnato il ministro Gennaro Sangiuliano. Un errore, una svista, un ripensamento, non è chiaro. Fatto sta che il governo, a ridosso della maratona notturna in Aula, ha inserito la residenza che fu del compositore fra le esigenze indifferibili: così sono stati spostati 20 milioni di euro dal fondo del ministero dell’Economia a quello della Cultura, modificando una delle tabelle allegate al provvedimento da 35 miliardi di euro complessivi. “Una forzatura”, hanno protestato le opposizioni, anche perché su Villa Verdi “era già stato discusso un emendamento in commissione”.

Secondo Gioriga Meloni il primo esame è stato ampiamente superato. “È una manovra in un momento difficile, non fa miracoli ma aiuta tante persone”, queste le parole di Matteo Salvini. “FI – sottolinea il capogruppo Alessandro Cattaneo – ha dato un contributo decisivo”, ad esempio su pensioni minime e decontribuzione fino a 8mila euro per i giovani assunti stabilmente. Il voto contrario del Pd è accompagnato dalla convinzione che “non sia una manovra coraggiosa ma vigliacca”. Per il leader M5s Giuseppe Conte lo slogan della maggioranza “conteneva un errore: non ‘siamo pronti’ ma ‘siamo proni'”. Avs, stigmatizzando le “12 sanatorie”, promette il ricorso all’Ue contro la norma sulla caccia, denunciando l’ordine del giorno con cui la Lega chiede di “declassare il lupo da specie protetta”. E dal Terzo polo Luigi Marattin parla di “un livello di approssimazione e incapacità mai visto”. In alcune manovre del passato, si fa notare nella maggioranza, ci sono stati più stralci e correzioni chiesti dalla Ragioneria, ed è in linea con i precedenti anche la prima approvazione alla vigilia di Natale. Il Senato dovrà completare la seconda prima di capodanno.

Potresti leggere

Berlusconi avverte Meloni: “Niente veti su nomi Fi”

– In vista della formazione del novo governo “è importante che Forza…

Emma Bonino chiara sull’alleanza: “Europa, Nato e agenda Draghi”

“Il tema” dell’intesa con Sinistra Italia e Verdi “riguarda il Pd. L’accordo…

Autonomia, Bonaccini e De Luca asse contro il governo

“Il voto in Consiglio dei Ministri è stato abbastanza curioso, il Parlamento…