L’ultimo colpo sferrato dal compagno violento l’ha fatta svenire e lui, per rianimarla, l’ha sistemata nella vasca da bagno e le ha spruzzato dell’acqua in faccia: è quanto accaduto in un’abitazione di Portici, in provincia di Napoli, abitata da una famigliola di ucraini giunti in Italia nel 2016.

A chiedere aiuto ai carabinieri, dopo l’ennesima lite culminata in aggressione, sono stati i figli della coppia, un bambino di 13 anni e una ragazza di 18, anche loro vittime della furia del padre.

L’uomo, che ha 43 anni, è stato bloccato e denunciato per maltrattamenti. Nei suoi confronti è stato emesso un provvedimento di allontamento dall’abitazione di famiglia e nei suoi confronti è stato emesso un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese.

Sia la donna, una 39enne, che i suoi figli, anche loro ucraini e giunti in Italia nel 2016, sono stati costretti a ricorrere alle cure mediche del 118, intervenuto su richiesta dei militari.

Potresti leggere

Violentata invece di essere soccorsa, ragazza abusata in un’ambulanza: arrestato paramedico

Abusa di una giovane all’interno di un’ambulanza. Un paramedico volontario di 36…

Panettiere ucciso da moglie e figli che simulano scomparsa: l’orrore a Giffoni Valle Piana

Ucciso a coltellate dalla moglie e dai due figli, uno dei quali…

Milano, Polizia ferma per sbaglio un calciatore del Milan: pistola puntata e mani dietro la schiena

Sta suscitando molti commenti e polemiche sul web, un video diventato virale…