L’ultimo colpo sferrato dal compagno violento l’ha fatta svenire e lui, per rianimarla, l’ha sistemata nella vasca da bagno e le ha spruzzato dell’acqua in faccia: è quanto accaduto in un’abitazione di Portici, in provincia di Napoli, abitata da una famigliola di ucraini giunti in Italia nel 2016.

A chiedere aiuto ai carabinieri, dopo l’ennesima lite culminata in aggressione, sono stati i figli della coppia, un bambino di 13 anni e una ragazza di 18, anche loro vittime della furia del padre.

L’uomo, che ha 43 anni, è stato bloccato e denunciato per maltrattamenti. Nei suoi confronti è stato emesso un provvedimento di allontamento dall’abitazione di famiglia e nei suoi confronti è stato emesso un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese.

Sia la donna, una 39enne, che i suoi figli, anche loro ucraini e giunti in Italia nel 2016, sono stati costretti a ricorrere alle cure mediche del 118, intervenuto su richiesta dei militari.

Potresti leggere

Sardegna, barca esplode nel porto: donna ferita gravemente

Una 56enne e’ stata trasportata in elisoccorso all’ospedale Brotzu di Cagliari con…

Difesa: Crosetto, serve revisione strutture di vertice

Serve “una profonda evoluzione in chiave interforze dello strumento militare sul piano…

Spara alla moglie e la uccide, poi si toglie la vita impiccandosi: dramma nel Brindisino

Una donna di 47 anni è stata uccisa a colpi di pistola…