La Corte Costituzionale, riunita in camera di consiglio, ha finora ritenuto ammissibili 4 quesiti referendari in materia di giustizia: in particolare, si tratta di quelli sull’abrogazione delle disposizioni in materia di incandidabilita’ previste dalla legge Severino, sulla limitazione delle misure cautelari, sulla separazione delle funzioni dei magistrati e sulla eliminazione delle liste di presentatori per l’elezione dei togati del Csm.   I 4 quesiti sono stati ritenuti ammissibili, spiega Palazzo della Consulta, “perche’ le rispettive richieste non rientrano in alcuna delle ipotesi per le quali l’ordinamento costituzionale esclude il ricorso all’istituto referendario”.

Potresti leggere

Mani della ‘ndrangheta sul litorale al sud di Roma: 65 persone nel mirino della dda, anche 2 carabinieri

I Carabinieri del Comando provinciale di Roma, su disposizione della Dda capitolina,…

Guerra in Ucraina, Draghi si appella alla Cina: “Lavori per il dialogo e la pace”

Draghi parla alla Cina. Il discorso del Presidente del Consiglio in Parlamento in merito anche alla crisi energetica e all’Ue

La Meloni risponde all’opposizione: “Con noi non è in pericolo la democrazia”

Giorgia Meloni non crede, come invece affermano suoi avversari politici, che una…