Il consiglio comunale rischia lo scioglimento in seguito a una inchiesta, ancora in fase embrionale, dalla procura di Napoli. Accade a Torre Annunziata, comune in provincia di Napoli, dove dopo le dimissioni di quattro consiglieri, tra cui il presidente del consiglio comunale Giuseppe Raiola, e di un assessore, è arrivato il passo indietro del sindaco. Il primo cittadino Vincenzo Ascione ha rassegnato nella tarda mattinata di mercoledì 16 febbraio le dimissioni a distanza di 24 ore dalla conferenza stampa di ieri dove annunciava di voler andare avanti “a testa alta” dopo l’inchiesta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. Adesso il sindaco ha venti giorni di tempo per ritirare le dimissioni prima che diventino definitive e scatta lo scioglimento del consiglio comunale.

Inchiesta che vede indagato lo stesso Ascione e altre undici persone tra amministratori, ex amministratori, ex consiglieri regionali e imprenditori) e che la settimana scorsa ha fatto scattare un blitz della Guardia di Finanza negli uffici del Comune per acquisire alcuni atti. Si indaga in particolare su presunte e ipotetiche infiltrazioni mafiose e sui rapporti di alcuni amministratori, incluso il sindaco, con il nipote di un vecchio fedelissimo del clan Gionta.

“Nel prendere atto delle dimissioni di alcuni consiglieri comunali – afferma Ascione in una nota diramata dal suo ufficio stampa – e in particolare del presidente del consiglio comunale Giuseppe Raiola, che mi ha seguito in questa avventura, resistendo alle tante avversità che si sono presentate lungo il cammino, seppur consapevole di aver dichiarato di voler proseguire il mio mandato alla guida della città, con grande rammarico rassegno le mie dimissioni dalla carica di sindaco pro tempore del Comune di Torre Annunziata”.

Potresti leggere

Elezioni, in Cdm le norme anti-Covid per referendum e comunali

Potrebbe approdare nel Cdm previsto alle 17.30 anche un dl Elezioni, con…

Governo, Salvini-Letta: alta tensione

“E’ assurdo che Letta e il Pd continuino a pensare a nuove tasse. E’…

L’agenda Mattarella. Si di Lega e Pd

Dopo ieri, come Parlamento e come partiti e forze politiche, ci giochiamo…