Anche gli animali hanno l’istinto di proteggere i propri cuccioli“. E’ la frase pronunciata da Anna Grillo, sostituto procuratore generale di Napoli nel corso della requisitoria, nel processo di secondo grado, in cui chiede l’ergastolo per Valentina Casa, la 32enne madre di Giuseppe Dorice, il bimbo ucciso di botte a 7 anni dal patrigno Toni Badre, 28enne italo-marocchino. Pena pesantissima richiesta, così come in primo grado, anche per la donna che durante la brutale violenza a mani nude e a colpi di mazza da scopa non si preoccupava di soccorrere il figlioletto e l’altra figlia più grande di un anno (salvata poi dai medici del Santobono) ma – secondo la ricostruzione degli inquirenti – pensava a “ripulire il sangue con dei teli lasciati in bagno“, “occultava all’interno della pattumiera le ciocche di capelli strappate dal compagno alla figlia” e durante l’intervento dei carabinieri e dei sanitari del 118 “non riferiva immediatamente che Toni era stato l’autore di quello scempio, negava piuttosto la violenza già perpetrata all’indirizzo dei bambini”.

Anzi, così come confermato dallo stesso compagno, “la storia dell’incidente…” (diverse ore dopo l’aggressione vennero chiamati i soccorsi e al 118 ha detto che i bimbi erano stati vittima di un incidente stradale, ndr) che Valentina ha raccontato è stata una sua iniziativa…” come la decisione di pulire “…tutta la casa e di posare la struttura del letto…”.

Secondo il sostituto pg “si è toccato il fondo della crudeltà umana” e per tale motivi ha chiesto la conferma della condanna all’ergastolo per Toni Essobti Badre e la stessa pena anche per Valentina Casa, condannata a sei anni in primo grado lo scorso 9 novembre 2020. L’omicidio avvenne la domenica del 27 gennaio 2019 a Cardito, comune in provincia di Napoli. “La scena del crimine era una vera e propria scena dell’orrore… coloro che avevano perso tutto quel sangue erano due bambini di sei e otto anni… selvaggiamente picchiati per lungo tempo in tutte le maniere possibili e immaginabili”, ha spiegato Grillo così come riferisce l’Ansa.

Potresti leggere

Coppia di coniugi trovata morta in casa da un parente: ipotesi omicidio-suicidio

Omicidio – suicidio, è questa l’ipotesi seguita dagli investigatori dopo il ritrovamento…

Giorgetti-Letta blindano Draghi

Distinguere i temi non negoziabili, quelli su cui il governo fa bene…

Arrestato l’altro cugino ricercato di Saman, la giovane scomparsa e uccisa a Novellara

Arrestato l’altro cugino ricercato di Saman. L’uomo individuato e fermato a Barcellona, in Spagna. Era latitante