Avrebbe ucciso la figlia di 56 anni perché malata da tempo di Alzheimer e poco dopo ha provato a togliersi la vita puntandosi la pistola alla tempia e facendo fuoco. E’ morto poche ore dopo l’arrivo all’Ospedale del Mare l’uomo di 89 anni. La tragedia si è consumata in un appartamento in via Vittorio Veneto a Marigliano, comune in provincia di Napoli, dove i carabinieri della locale stazione sono intervenuti in mattinata, allertati da alcuni vicini.

Nell’appartamento i militari hanno trovato il corpo senza vita della donna, colpita da un colpo d’arma da fuoco. Poco distante il padre, ferito da un proiettile alla testa. A terra una pistola calibro 6,35 regolarmente detenuta dall’anziano. Dai primi accertamenti pare si tratti di un omicidio-suicidio. Soccorso e trasportato in condizioni disperate in ospedale, l’uomo è poi deceduto nonostante i tentativi dei medici: troppo gravi le sue condizioni.

A coadiuvare i carabinieri della stazione di Marigliano nelle indagini ci sono anche i militari della Compagnia di Castello di Cisterna.

Potresti leggere

Papà aggredisce assistente sociale e scappa col figlio: barricato da ore in casa “armato”

E’ barricato da ore in casa con il figlioletto di 4 anni sottratto con violenza a…

Incidente alternanza scuola-lavoro, studente 17enne resta ustionato in carrozzeria

Un ragazzo di 17 anni impiegato in una carrozzeria, durante un percorso…

Giovane operaio muore schiacciato da una piastra di fusione, aveva 31 anni

Settembre inizia all’insegna dell’ennesima morte sul lavoro. Un operaio di 31 anni…