Dopo l’Ucraina nel mirino della Russia finirebbero “Lettonia, Lituania ed Estonia”. E’ quanto dichiara il presidente Volodymyr Zelensky. “Se Kiev dovesse cadere, la Russia si prenderà i Paesi Baltici e l’Europa orientale: ricordate questo momento“. Poi lancia un appello a Vladimir Putin, un invito al dialogo: “Vieni e parliamone, è necessario per fermare la guerra”, ha detto il leader ucraino intervistato dai media statunitensi, “ma non a 30 metri di distanza”. “Non mordo, di cosa hai paura?”, ha detto Zelensky per poi aggiungere: “L’obiettivo della Russia è di vederci in ginocchio”, ma in realtà “ha paura della nostra unità”.

Poi accusa l’esercito russo di aver portato con sé “un forno crematorio” per bruciare i corpi dei soldati e “non doverli mostrare alle loro madri”. “I soldati russi stanno morendo e nessuno conta i corpi”, ha detto in conferenza stampa Kiev, accusando Mosca di voler nascondere il numero dei morti fra i militari perché il popolo russo ignori il vero costo de conflitto.

Potresti leggere

Navigator, il M5s prova a salvarli

“Auspichiamo una conclusione positiva del tavolo sui Navigator che si terrà oggi…

Will Smith sferra un pugno a Chris Rock alla serata degli Oscar, la condanna dell’Academy

Will Smith protagonista assoluto della serata degli Oscar, dalla statuetta come miglior…

Via ai negoziati tra Russia e Ucraina, Zelensky: “Via le truppe invasori e adesione all’Ue”. L’Onu: “Centinaia di vittime civili”

Negoziati tra Russia e Ucraina. L’obiettivo è il cessate il fuoco e la pace. Da valutare le dovute condizioni tra le parti