violenza sessuale

Ha accoltellato la figlia e la fidanzata di quest’ultima perché non accettava la loro relazione. Un’aggressione omofoba avvenuta il 6 agosto scorso a Salerno e denunciata delle due vittime ai carabinieri di Crotone dove si erano rifugiate.

“Mio padre ci ha detto ‘Voglio fare 30 anni di carcere: volete morire insieme? E’ arrivato il momento‘ e poi ci ha colpito -racconta una delle due ragazze- Mia madre ha assistito all’aggressione e non ha fermato mio padre, anzi ha provato a bloccarci mentre scappavamo”.

La vicenda ha avuto inizio quando le due ragazze, Francesca e Immacolata, la prima 39enne di Crotone e la seconda 23enne della provincia di Napoli, sono arrivate a Salerno per lavorare; nel capoluogo campano sono state ospitate a casa di una parente di Immacolata teatro dell’aggressione. “Entrambe abbiamo riportato qualche ferita, ma siamo riuscite a scappare. Fino alle 5 del mattino pero’ mio padre ci ha inseguite e minacciate. Abbiamo chiamato il 112 e i carabinieri sono intervenuti accompagnandoci nel nostro domicilio di Salerno per fare le valigie e tornare poi a Crotone in sicurezza -raconta Immacolata- Lui ad oggi nega tutto, ma abbiamo le prove di quello che ha fatto”.

Potresti leggere

Madre di 34 anni muore dopo caduta dalle scale con figlia neonata in braccio, la bimba è in ospedale

Tragedia a Bari nell’abitazione di una famiglia: una mamma di 33 anni…

Crollo funivia, il piccolo Eitan vivo grazie all’abbraccio del padre

Sarebbe riuscito a sopravvivere alla tragedia del Mottarone, e al terribile impatto…

Mattanza a Roma, sequestrato e ridotto in fin di vita per affitti non pagati: “Paga o orecchio tagliato”

Sequestrato per quasi 18 ore, picchiato e ridotto in fin di vita…