Da tempo porta avanti la battaglia per l’accesso libero alle spiagge, riqualificando e rilanciando tratti di mare che prima erano abbandonati nel degrado. Oggi, Josi Gerardo Della Ragione, sindaco di Bacoli (Napoli), punta il dito contro i tanti, troppi, lidi che vietano ai clienti di portare in spiaggia di tutto: dalle semplici bottiglie d’acqua ai panini preparati a casa o comprati altrove. “Trovo intollerabile perquisire, all’ingresso dei lidi balneari, le borse frigo delle famiglie per impedire l’accesso ai lettini di panini preparati da casa. A Bacoli questi scempi devono finire” chiosa il primo cittadino che poi rincara la dose: “Sono comportamenti che offendono la nostra terra, la nostra comunità. E che danno il segnale di una convinzione, errata. Sia chiaro. Chi gestisce uno stabilimento balneare non è il padrone. Non è proprietario di nulla. È il concessionario di un bene demaniale. Sia chiaro, lo ripeto meglio. Non è il padrone di nulla. Ma gestisce un patrimonio pubblico, per un tempo. Perché la spiaggia è di tutti. Perché il mare è di tutti”.

“Ho profondo rispetto per quegli imprenditori che – chiarisce Della Ragione – con passione e nel rispetto delle regole, investono sui beni demaniali. Per chi li valorizza. Ho rispetto per chi paga le tasse. Ho rispetto per chi garantisce contratti regolari ai lavoratori. Ho rispetto per chi assicura la tutela dei più basilari diritti dei bagnanti. Per loro, e ne conosco tanti, tutta la mia stima. Perché fare l’imprenditore, soprattutto in questi tempi, non è semplice. Perché continueremo ad accogliere a braccia parte tutti coloro che vogliono investire nella nostra città, rispettando il paradiso in cui si trovano”.

Il sindaco si scaglia invece contro imprenditori che pensano “di aver comprato, con quattro soldi, la sabbia. Poi esiste chi tratta i lavoratori come schiavi. Chi li umilia, chi li sottopaga. Poi esiste chi incassa, senza pagare i tributi locali. E chi è giunto al punto da sentirsi proprietario. Tanto da arrogarsi il diritto di vietare l’ingresso in spiaggia di una bottiglia d’acqua. Con tanto di perquisizioni all’ingresso. È paradossale. Questa categoria di prenditori di beni pubblici non è gradita a Bacoli. Dovete togliere il disturbo. Siete la rovina della nostra terra. E non ci interessano i vostri piaceri. Non ci interessano i vostri voti”.

Della Ragione conclude annunciando che “stiamo inviando lettere di diffida, affinché la si smetta con queste pratiche intollerabili. I beni demaniali sono beni di tutti. Gestirli, deve rappresentare un grande onore. È finita l’epoca dei prenditori, nel nostro paese. È finita un’epoca nefasta. Basta. Voltiamo pagina. Un passo alla volta”.

Potresti leggere

Studentessa aggredita in un campus a Torino, ricoverata in ospedale

Orrore in un campus universitario di Torino dove una giovane donna è…

Ex carabiniere ucciso a fucilate davanti al figlio: si indaga sulla vita privata

Si indaga sulla vita privata di Silvano Nestola, l’ex maresciallo dei carabinieri ucciso…

Distrutta famiglia in incidente, scontro tra due auto in autostrada: muoiono padre, madre e figlio 15enne

Dramma d’inizio estate, distrutta intera famiglia. E’ di tre morti e tre…