Un centinaio di aderenti al movimento disoccupati ‘7 novembre’ della ‘167’ ha inscenato nella mattinata di oggi una manifestazione contro il ‘caro energia’ bruciando le ultime fatture per le forniture di corrente e gas dinanzi agli uffici della posta centrale in piazza Matteotti a Napoli.

“Siamo stanchi delle promesse. Da anni attendiamo un lavoro ed oggi non possiamo pagare queste cifre che sono triplicate”, hanno urlato i manifestanti mostrando le bollette. “Le nostre famiglie sono allo stremo. Per noi, finora, solo tante parole e pochi fatti”, hanno aggiunto. I manifestanti, tra poco, dovrebbero lasciare piazza Matteotti per raggiungere in corteo via Verdi e dunque Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli.

Potresti leggere

Tenta uccidere cugino per denaro, arrestato nel Napoletano

– Tentato omicidio volontario, porto e detenzione illegale di arma da fuoco,…

Molesta due bambine in un maneggio alle porte di Milano, condannato 25 enne: “Mia figlia ancora non sta bene”

E’ stato condannato a 5 anni e 4 mesi il 25enne a…

Napoli, rapina alle Poste: bandito via con oltre 50mila euro

Un uomo ha fatto irruzione da solo all’interno dell’ufficio postale facendosi consegnare direttamente…