Il dipartimento statunitense dell’Energia annuncerà domani, in una conferenza stampa, che gli scienziati sono stati in grado, per la prima volta nella storia, di produrre una reazione di fusione nucleare che genera più energia di quella necessaria per innescarla.

Lo scrive il Washington Post parlando di “una pietra miliare nella decennale e costosa ricerca per sviluppare una tecnologia che fornisca energia illimitata, pulita ed economica”. Per il quotidiano Usa, si tratta del “Santo Graal” dell’energia senza emissioni di carbonio che gli scienziati hanno inseguito sin dagli anni ’50.

La scoperta sarebbe avvenuta presso la National Ignition Facility ospitata nei Lawrence Livermore National Laboratory, in California. Alcuni ricercatori, interpellati dal Washington Post hanno confermato le anticipazioni ma dietro anonimato. Lo scopo della ricerca sulla fusione è replicare la reazione nucleare attraverso la quale si crea l’energia sul Sole. Finora gli esperimenti avevano deluso le aspettative degli studiosi, che erano sì riusciti a innescare la fusione, ma impiegando, per ottenerla, molta più energia di quanto poi ne rilasciasse la reazione stessa.

Potresti leggere

Ucraina, i prigionieri dell’acciaieria di Azovstal saranno processati: l’annuncio

Le forze russe – intanto – stanno sminando l’acciaieria Azovstal a Mariupol,…

Zelensky: “Guerra nucleare è un bluff ma Putin mira anche a Polonia”

 Intervistato dal giornale tedesco Die Zeit, il presidente ucraino Zelensky ha sottolineato…

Orrore a Oslo, attentato al bar gay: due morti e oltre 20 feriti

E’ di due persone uccise e oltre venti feriti, alcuni in modo…