Il Pd scarica l’ex ministro Gaetano Manfredi e chiude sul sottosegretario agli Affari Europei Enzo Amendola. Tra i promotori della mossa ci sarebbe Marco Sarracino, da sempre freddo sull’ipotesi Manfredi. Questione di ore e il Pd annuncerà la candidatura di Amendola.

Ma c’è un ostacolo: il M5S. Spaccati in casa, i pentastellati che oggi sul quotidiano Repubblica escono con due posizioni contrastanti. Il senatore Vincenzo Presutto insiste sulla corsa solitaria mentre Luigi Iovino, deputato e responsabile delle comunali, vorrebbe l’accordo con il Pd sul nome di Manfredi.

I grillini, dopo il passo indietro di Roberto Fico, erano favorevoli al nome dell’ex ministro dell’Università. Il pressing del Pd è difficile che superi il veto grillino sul nome di Amendola.

Potresti leggere

Roma, spunta Gasparri: i dubbi di Fdi

”Oggi si riuniranno i leader della coalizione, io non parteciperò a quella…

Comunali, Laboccetta: “Maresca fa un errore se rimarca distanza da Destra”

A mio sommesso parere sbaglia Catello Maresca quando ci tiene a rimarcare…

Referendum Giustizia, migliaia di gazebo in Italia. Salvini: “Insieme ce la faremo”

Già operativi migliaia di gazebo disseminati in tutta Italia dalla Lega per…