Il Pd scarica l’ex ministro Gaetano Manfredi e chiude sul sottosegretario agli Affari Europei Enzo Amendola. Tra i promotori della mossa ci sarebbe Marco Sarracino, da sempre freddo sull’ipotesi Manfredi. Questione di ore e il Pd annuncerà la candidatura di Amendola.

Ma c’è un ostacolo: il M5S. Spaccati in casa, i pentastellati che oggi sul quotidiano Repubblica escono con due posizioni contrastanti. Il senatore Vincenzo Presutto insiste sulla corsa solitaria mentre Luigi Iovino, deputato e responsabile delle comunali, vorrebbe l’accordo con il Pd sul nome di Manfredi.

I grillini, dopo il passo indietro di Roberto Fico, erano favorevoli al nome dell’ex ministro dell’Università. Il pressing del Pd è difficile che superi il veto grillino sul nome di Amendola.

Potresti leggere

Patto per Napoli, arriva Draghi: la firma con Manfredi

Martedi’, alle ore 11.00, nella Sala dei Baroni al Maschio Angioino di…

La Consulta boccia il referendum sull’eutanasia, Cappato: “Abbiamo altri strumenti”

La Corte costituzionale ha ritenuto inammissibile il quesito referendario sull’eutanasia perché “a…

M5S, un contenzioso blocca Conte

La Corte di Appello ha ritenuto il provvedimento di nomina del curatore…