Il Pd scarica l’ex ministro Gaetano Manfredi e chiude sul sottosegretario agli Affari Europei Enzo Amendola. Tra i promotori della mossa ci sarebbe Marco Sarracino, da sempre freddo sull’ipotesi Manfredi. Questione di ore e il Pd annuncerà la candidatura di Amendola.

Ma c’è un ostacolo: il M5S. Spaccati in casa, i pentastellati che oggi sul quotidiano Repubblica escono con due posizioni contrastanti. Il senatore Vincenzo Presutto insiste sulla corsa solitaria mentre Luigi Iovino, deputato e responsabile delle comunali, vorrebbe l’accordo con il Pd sul nome di Manfredi.

I grillini, dopo il passo indietro di Roberto Fico, erano favorevoli al nome dell’ex ministro dell’Università. Il pressing del Pd è difficile che superi il veto grillino sul nome di Amendola.

Potresti leggere

Renzi vuole garanzie sulla legislatura

Le carte le scopriamo in Parlamento. Sette anni fa abbiamo indicato Mattarella…

Elezione Presidente della Repubblica, Fico convoca il Parlamento: “A lavoro per garantire voto in sicurezza”

Il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, sentito il presidente del…

Conte dice no all’alleanza con De Luca

“Non vedo all’orizzonte nessuna alleanza in Campania tra De Luca e il…