Venite, ho ucciso mamma“. Sarebbero state queste le parole pronunciate al telefono da un 23enne dopo aver litigato con la donna, aggredita poi a calci e pugni all’interno dell’abitazione dove vivevano ad Aicurzio, in provincia di Monza. Il giovane dopo essersi reso conto di quanto accaduto, ha telefonato i carabinieri chiedendo loro di intervenire. Una volta arrivati nell’appartamento di via della Vittorio, i militari non hanno potuto far altro che constatare il decesso della donna, Fabiola Colnaghi di 58 anni.

Il figlio, incensurato, è stato portato nella caserma vicina e sottoposto a interrogatorio da parte del sostituto procuratore di Monza. Secondo una prima ricostruzione dei militari dell’Arma, anche grazie alle testimonianze raccolte dai vicini, madre e figlio vivano nella stessa abitazione (il marito della donna è morto negli anni scorsi) e i dissidi andavano avanti da tempo.

Sul corpo della donna verrà disposta l’autopsia per accertare le cause del decesso. La 58enne sarebbe stata colpita al volto con un pugno e poi dopo essere caduta a terra, il figlio avrebbe continuato ad aggredirla fino a provocarne il decesso. Sulla dinamica del delitto sono al lavoro i militari della compagnia di Vimercate e del Nucleo Investigativo di Monza. Al momento i carabinieri stanno sentendo parenti e vicini per ricostruire la vicenda.

Potresti leggere

“Uccido te e tua figlia”, identificato l’autore delle minacce alla Meloni: è un 27enne siciliano

E’ stato identificato dalla Polizia l’autore delle minacce alla Presidente del Consiglio…

Negoziati Ucraina-Russia al confine bielorusso: “Non credo troveremo soluzione”

Nel corso di una conferenza stampa, il presidente ucraino Zelensky ha annunciato…

L’accoltella e l’uccide alle spalle, Bruna era madre di due figli: “Non c’è motivo”

Assassinata per strada a Vittoria mentre parla con il figlio undicenne, che…