Ha ucciso la mamma, il papà e il fratellino di 10 anni, poi ha vissuto per quattro giorni con i corpi dei propri cari in casa. È la storia che arriva da Elche, in Spagna, dove la polizia ha fermato un ragazzo di 15 anni perché ritenuto l’autore del massacro familiare.

Un triplice omicidio avvenuto, dopo l’ennesima discussione dovuta ai voti bassi. Lo ha reso noto la Polizia. Secondo una prima ricostruzione la strage avrebbe avuto origine dopo una forte lite tra il 15enne e la madre, che aveva staccato il Wi-Fi al ragazzino che si era rifiutato di svolgere i compiti. In preda alla rabbia incontrollata l’adolescente ha preso un fucile custodito in casa e lo ha rivolto contro la madre. Subito dopo ha sparato anche al fratello minore a al padre.

Il 15enne avrebbe poi vissuto con i tre corpi senza vita in casa per diversi giorni, fino alla confessione della strage nella giornata di venerdì. Fondamentale il ruolo di una vicina di casa, scrive il quotidiano spagnolo El Pais, che gli avrebbe chiesto dell’assenza dei genitori. “Non li vedo da molto tempo”, è stata la prima reazione del 15enne, che poi ha confessato rivelando alla vicina: “Li ho uccisi qualche giorno fa”.

Potresti leggere

Ndrangheta, estradato in Italia il boss Rocco Morabito: l’arresto bis dopo l’evasione

Rocco Morabito è atterrato all’aeroporto di Roma – Ciampino nella mattinata del…

Violenze a scuola, 13enne abusato: professoressa arrestata

Abusi sessuali ai danni di un suo studente di appena dodici anni:…

Travolto e ucciso dalle fiamme, uomo trovato senza vita in casa

È stato trovato privo di vita, sul divano, mentre in cucina era…