Positiva al Covid-19, una bimba di 2 anni è morta la scorsa notte all’ospedale Bambino Gesù di Roma dove era arrivata nella mattinata di sabato 29 gennaio dalla Calabria. Una odissea, dovuta alla cronica insufficienza della sanità calabrese, finita poi nel drammatico epilogo delle scorse ore. Nella notte tra sabato e domenica la piccola, che si chiamava Ginevra, è peggiorata e per i medici non c’è stato nulla da fare. Troppo gravi i problemi respiratori dovuti a una polmonite.

Nei giorni scorsi la piccola, originaria di Mesoraca, comune in provincia di Crotone, era stata prima trasferita dall’ospedale della città calabrese al “Pugliese Ciaccio” di Catanzaro, poi in seguito all’aggravarsi delle condizioni di salute, è stato necessario il trasferimento a Roma con un aereo (C-130J) dell’Aeronautica militare. Per il trasporto sanitario di emergenza è stato necessario l’utilizzo del vettore della 46esima Brigata Aerea di Pisa, in grado di imbarcare l’ambulanza all’interno della quale ha viaggiato, monitorata ed assistita alla respirazione, la bimba, insieme ad un’equipe medica.

Dolore e sgomento nella comunità di Mesoraca, che si unisce al dolore dei genitori e dei familiari: “Da oggi in cielo c’è un angioletto in più” si legge nei gruppi social locali. “È un giorno triste, drammatico quello di oggi per la famiglia della piccola Ginevra e per l’intera comunità di Mesoraca. Due anni e tutta una vita davanti”.

Potresti leggere

Scacco alla ‘ndrangheta, il blitz contro le cosche radicate a Roma

Operazione della Direzione Investigativa Antimafia a Roma e provincia, in Lazio, e…

Non si ferma all’Alt, 18enne investe con motorino un carabiniere a Napoli: entrambi in ospedale

Follia a Napoli. Un carabiniere è stato investito da un 18enne in…

Sorpresa a Pompei, dagli scavi una tartaruga col suo uovo

– Il carapace quasi intonso, la testa intatta come la coda e…