traffico di stupefacenti

Maxi blitz contro la mafia, falsi all’Inps, spaccio di droga e finti permessi premio. Nelle provincie di Catania, Siracusa, Cosenza e Bologna, i Carabinieri del Comando Provinciale di Catania stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale etneo nei confronti di 40 persone indagate, a vario titolo, per associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsioni e associazione per delinquere finalizzata alla commissione di falsi e truffe ai danni dell’Inps.

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, hanno consentito di ricostruire gli organigrammi dei gruppi mafiosi della famiglia Santapaola-Ercolano stanziati sul territorio della provincia etnea, in particolare a Paternò e Belpasso, nonché di individuare le varie attività illecite poste in essere dai sodali: non solo un fiorente traffico di stupefacenti, in particolare marjuana e cocaina, ma anche estorsioni, riciclaggio, ricettazione e una situazione di grave condizionamento del tessuto economico locale.

Tra gli elementi di vertice dell’associazione, è stato identificato Santo Alleruzzo il quale, benché condannato all’ergastolo per duplice omicidio, mafia e traffico di droga e detenuto presso il carcere di Rossano (CS), approfittava dei permessi premio per ritornare nel paese d’origine (Paternò), ove nel corso di summit mafiosi continuava ad impartire ordini e direttive per la gestione degli affari del clan.

 

Seguici sulla nostra Pagina Facebook Il Rinascimento.

Potresti leggere

Angeli Templari in Basilicata per missione di solidarietà

Missione di solidarietà degli Angeli Templari in Basilicata. La squadra di volontari…

Droga ‘alla porta’ durante il lockdown, sgominata rete di spaccio a domicilio a Torino: 14 arresti

Spaccio di droga durante il lockdown. La merce arrivava a domicilio grazie…

Agguato nel Napoletano, giovane di 20 anni colpito: è in fin di vita

Ancora spari nel Napoletano. I carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna sono intervenuti…