traffico di stupefacenti

Maxi blitz contro la mafia, falsi all’Inps, spaccio di droga e finti permessi premio. Nelle provincie di Catania, Siracusa, Cosenza e Bologna, i Carabinieri del Comando Provinciale di Catania stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale etneo nei confronti di 40 persone indagate, a vario titolo, per associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsioni e associazione per delinquere finalizzata alla commissione di falsi e truffe ai danni dell’Inps.

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, hanno consentito di ricostruire gli organigrammi dei gruppi mafiosi della famiglia Santapaola-Ercolano stanziati sul territorio della provincia etnea, in particolare a Paternò e Belpasso, nonché di individuare le varie attività illecite poste in essere dai sodali: non solo un fiorente traffico di stupefacenti, in particolare marjuana e cocaina, ma anche estorsioni, riciclaggio, ricettazione e una situazione di grave condizionamento del tessuto economico locale.

Tra gli elementi di vertice dell’associazione, è stato identificato Santo Alleruzzo il quale, benché condannato all’ergastolo per duplice omicidio, mafia e traffico di droga e detenuto presso il carcere di Rossano (CS), approfittava dei permessi premio per ritornare nel paese d’origine (Paternò), ove nel corso di summit mafiosi continuava ad impartire ordini e direttive per la gestione degli affari del clan.

 

Seguici sulla nostra Pagina Facebook Il Rinascimento.

Potresti leggere

Napoli, la strage di Ponticelli: spunta il video

Spunta un video delle esplosioni provocate l’altra notte da due bombe nel…

Uccide la madre a calci e pugni e chiama i carabinieri: “Venite, sono stato io”

“Venite, ho ucciso mamma“. Sarebbero state queste le parole pronunciate al telefono…

Agguato a Napoli, ferito un 16enne: “Non era una rapina”

“Si sono avvicinati in scooter e senza motivo hanno cacciato fuori la…