Tamponi e vaccini anti-Covid ai rifugiati in arrivo dall’Ucraina, è questa la richiesta del Ministero della Salute a tutte le regioni.

In relazione alla crisi in corso in Ucraina e in previsione dei conseguenti fenomeni migratori verso il nostro paese il ministero della Salute chiede con una circolare alle Regioni di allertare le Asl “ai fini della predisposizione di risorse necessarie all’esecuzione di test diagnostici – tamponi oro/rinofaringei antigenici e molecolari- per infezione da SARS-CoV-2 ed alla somministrazione di vaccini anti-COVID-19 ed altre vaccinazioni di routine per tale popolazione a rischio”.

Le Asl inoltre dovranno assicurare “le necessarie attività di sorveglianza, prevenzione e profilassi vaccinale anche in relazione alle altre malattie infettive”. Il ministero inoltre richiama l’attenzione in particolare “alla precoce identificazione delle persone con esigenze particolari e specifiche vulnerabilità” come minori stranieri non accompagnati, donne in stato di gravidanza, e nuclei familiari monoparentali.

Potresti leggere

Covid, l’allarme di Pregliasco: “Poche quarte dosi, a rischio anziani e fragili”

Fabrizio Pregliasco lancia l’allarme: “Due milioni di quarte dosi di vaccino anti-Covid…

Ha tumore al fegato e al rene, giovane ucraino salvato al Pascale di Napoli

Nel suo paese, dove si era ammalato durante la seconda ondata di…

Vaccini, l’annuncio di Figliuolo: “A settembre tutti vaccinati”

“Ne usciremo il più presto possibile. Saremo tutti vaccinati entro fine settembre…