Un bambino deve essere operato al cuore ma l’intervento è stato bloccato dalla famiglia che pretende dai medici rassicurazioni sulla trasfusione necessaria per l’operazione. “Deve essere sangue di una persona non vaccinata al covid19” hanno precisato i genitori. E’ quanto accaduto all’ospedale Sant’Orsola di Bologna dove una famiglia no vax della provincia di Modena ha bloccato tutto da diverse settimane con la vicenda che è finita in Tribunale.

L’intervento potrà avvenire, secondo i genitori, solo se il sangue verrà prelevato da donatori non vaccinati. Così è stato lanciato dalla famiglia anche un appello su Telegram alla platea no vax per reperire volontari non vaccinati così come riportato dalla Gazzetta di Modena.

Sant’Orsola che, in accordo col centro trasfusionale territoriale, si è opposto alla richiesta dei genitori perché le donazioni di sangue devono seguire protocolli di legge molto rigidi e molto precisi per ragioni di sicurezza.

Intervistato dall’Ansa, Vincenzo De Angelis, direttore del Sant’Orsola, definisce la richiesta “assurda” 2 “priva di fondamento scientifico. La scelta del sangue è legata a precisi criteri di compatibilità e non a capricci. Usare quello di persone non vaccinate non ha alcun fondamento scientifico perché con la trasfusione non si ‘trasmette’ il vaccino”.

 

 

Potresti leggere

Una cella chiamata casa, i numeri choc della violenza sulle donne: sei arresti o denunce al giorno

“Una cella chiamata casa”. E’ da questa immagine che i Carabinieri di…

Kiev, ‘attacco aereo continua, difesa aerea in azione

governatore della regione di Kiev Oleksiy Kuleba ha aggiornato la situazione dopo…

Grecia: morte otto persone a bordo aereo precipitato

Sono morte tutte le otto persone a bordo dell’aereo cargo partito ieri…