Conte non è il presidente del Movimento 5 Stelle

Si continua a litigare a meno di 48 ore da mercoledì 20 luglio, giornata in cui il premier Mario Draghi è atteso sia alla Camera che al Senato per le “comunicazioni fiduciarie“, quando dopo un breve intervento ci sarà la discussione generale, la presentazione di risoluzioni e il voto con chiama uninominale. La prassi prevede che si cominci dal Senato e che poi il premier consegni a Montecitorio il testo del suo intervento, per poi aprire il dibattito su cui si voterà. Ma in queste ore i presidenti dei gruppi parlamentari di Pd e Movimento 5 Stelle stanno pressando per far intervenire il premier prima alla Camera, scatenando la rabbia del centrodestra che continua invece il pressing per andare quanto prima a votare.

Tuttavia non è chiaro se ci saranno né il dibattito, né il voto: questo dipenderà dalle scelte di Draghi, che potrebbe ribadire le dimissioni (e dunque recarsi subito dopo al Quirinale, rendendo di fatto inutile qualsiasi voto di fiducia) o, invece, seguire il dibattito, replicare ai parlamentari ed eventualmente sottoporre il suo governo al voto di fiducia.

Il Movimento 5 Stelle rischia di diventare solo il partito di Conte nei prossimi giorni. Dopo la fuoriuscita di Di Maio e circa sessanta parlamentari, una nuova scissione è all’orizzonte e a capeggiarla c’è Davide Crippa, capogruppo dei grillini a Montecitorio. Con lui ci sarebbero almeno altri 20 parlamentari. Quelli fedeli a Conte (non al corrente dell’iniziativa del suo collega di partito, stando a quanto emerso nel corso dell’assemblea-maratona, ripresa nel pomeriggio) e Grillo hanno criticato e chiesto spiegazioni a Crippa sul motivo per cui è stato richiesto, insieme ai Dem, di invertire l’ordine tradizionale. Per il capogruppo pentastellato alla Camera il motivo è che il primo ‘non voto’ M5S sul dl Aiuti si è verificato alla Camera, per questo sembrava più logico e corretto chiedere con i dem le comunicazioni di Draghi prima alla Camera e poi al Senato. Con i colleghi di partito che esigevano un chiarimento, a quanto apprende LaPresse, Crippa si sarebbe giustificato dicendo di non potersi sottrarre a fronte di una richiesta arrivata dal fronte progressista.

La decisione finale dei presidenti di Camera, Roberto Fico, e Senato, Elisabetta Alberti Casellati – stando a quanto riferiscono fonti accreditate – vedrà partire le comunicazioni del presidente del Consiglio ed il successivo dibattitto sulla fiducia con il voto prima a Palazzo Madama.

Potresti leggere

Covid, dopo il Quirinale il Governo torna al lavoro: pronto il nuovo decreto

Il nuovo decreto del governo. Pronte le nuove misure dell’esecutivo per contrastare la pandemia e rilanciare l’economia

Letta a gamba tesa: “Centrodestra rovescerà l’Italia, Berlusconi ha alzato bandiera bianca”

“Scuole, banda larga. Altro che rinegoziare! L’Italia deve andare avanti con il…

Governo: Renzi: “Penso finira’ bene”. Salvini: “Buon giornata”

“Penso finira’ bene. Vediamo la tempistica”. Lo ha detto il leader di…