“Oggi i nostri esperti informatici e periti forensi si sono recati presso gli uffici dell’associazione Rousseau per ricevere i dati in consegna. Purtroppo, l’Associazione Rousseau, non ha provveduto alla consegna e ciò è oggettivamente grave e palesemente illegittimo”. Così il M5s che definisce il rifiuto dell’associazione “un fatto gravissimo”.

“Chi ha rallentato questo processo si assumerà tutte le responsabilità nelle sedi giudiziali penali, civili e amministrative per il danno che sta causando al Movimento 5 Stelle”, si sottolinea in un post.

“Non comprendiamo – prosegue il messaggio – come un compagno di viaggio con cui si è fatto un percorso insieme stia macchiando una così nobile storia con atti che la legge non ammette.

È inaccettabile che un soggetto privato possa tentare di ostacolare l’attività di una forza politica del Parlamento e di governo, accampando pretestuose e incomprensibili motivazioni, anche di natura economica”.

“I dati degli iscritti – viene aggiunto nel posto del M5s -, nei prossimi giorni, torneranno nella disponibilità del Movimento 5 Stelle, questo è certo! I dati degli iscritti sono essenziali per consentire l’esercizio della partecipazione e della democrazia diretta, che oggi è impedito da questo grave ostruzionismo”.

Potresti leggere

Conte dice no alle larghe intese

Il presidente del M5s, Giuseppe Conte, in una intervista al “Giornale” spiega…

De Luca vuole la fusione Pd-M5s

Non sono contento della crisi dei 5 Stelle, ma credo che non…

Di Maio batte sulla Russia: “No a ingerenze”

“E’ chiaro che ormai la Russia ha deciso di entrare direttamente nella…