Folla e commozione per l’ultimo saluto a Michele Ragosta, il titolare del ristorante “Al caminetto” di via Manzoni, nel quartiere napoletano di Posillipo, stroncato da un malore a 59 anni nella giornata di domenica 13 novembre. In tanti si sono ritrovati alle 16, all’interno della chiesa Santa Maria di Bellavista in via Posillipo.

Ragosta era un vero e proprio punto di riferimento della ristorazione napoletana. Conosciuto e benvoluto da tutti, da decenni gestiva uno dei ristoranti più frequentati della città. Sempre disponibile e ospitale, era stato ribattezzato lo “zio” di tutti. Dolore e sgomento sui social per la sua scomparsa.

“Ho appena appreso una tristissima notizia la perdita di una persona disponibile e seria, un amico che mi faceva sentire a casa ogni qualvolta andavamo a mangiare al ristorante il caminetto una seconda casa, caro Michele ci siamo visti qualche giorno fa e non sai quanto dolore mi hai provocato, le nostre chiacchierate e i tuoi consigli fanno parte di me, ti porterò nel mio cuore e nei miei migliori ricordi” commenta sui social un utente.

“Solo dieci giorni fa …il tuo abbraccio.. l’ho sentito tutto. Mi eri grato per averti portato in vita…da un brutto periodo.. anni fa…ed ogni volta che mi vedevi me lo ricordavi fino alla nausea….ed oggi all’improvviso te ne sei andato”, scrive Valeria.

Potresti leggere

Martusciello infila Manfredi e spinge per lady Caldoro in lista

Tutto nasce da una conversazione sui sociale. Poi l’offerta: “Sarebbe un onore…

Zelensky sarà (virtualmente) a Firenze

Ci sara’ anche un collegamento video con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky…

Ucciso per una rapina, la svolta nelle indagini: ci sono dei sospettati per l’omicidio del pescivendolo Antonio Morione

I primi sospettati per l’omicidio del pescivendolo Antonio Morione