“Vostra madre è morta, anzi no”. Un secondo, clamoroso, caso di una paziente data per morta ma invece viva al Covid Hospital di Maddaloni. Dopo quello di Agnese Grimaldi, 52enne deceduta nei giorni successivi, nella notte tra domenica e lunedì nell’ospedale casertano.

Secondo quanto riportato dall’Ansa, un medico del reparto di terapia intensiva che doveva assistere una anziana donna che si era aggravata e necessitava di essere intubata, ha ricevuto dal reparto una cartella clinica che non corrispondeva a quella della paziente, ma di una persona deceduta.

Ai parenti della donna è stato comunicato via telefono il decesso. Dopo mezz’ora la rettifica: il personale sanitario si sono infatti accorti dell’errore commesso e hanno ricontattato i familiari della paziente, originaria di Marcianise, cui è stato detto che la parente era in realtà viva e vegeta.

Come nel caso di Agnese Grimaldi, anche questa volta il direttore generale dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo ha deciso di aprire un’inchiesta interna per fare luce su quanto accaduto. Ma a differenza del primo caso, che per l’Azienda sanitaria locale di Caserta era stato uno “spiacevole equivoco” dovuto al superlavoro di medici e infermieri causa pandemia, per quest’ultimo errore si fa strada anche l’ipotesi di un tentativo di danneggiare l’immagine del Covid Hospital di Maddaloni.

Potresti leggere

Di Maio ‘vola’ in una trattoria napoletana, Renzi: “Ci vorrebbe seria politica estera, sono 3 anni che sbaglia”

Il video di Luigi Di Maio che vola in una nota trattoria…

Totti, l’intervista esclusiva del Capitano

“Questa storia per me non è gossip. Questa storia per me è…

Le mani dei Casalesi sugli appalti in Campania

Il gip del Tribunale di Napoli ha emesso 35 misure cautelari eseguite…