Ancora bufera sui vaccini e l’obbligo di vaccinarsi per gli operatori sanitari. Trecento operatori sanitari e medici di Brescia, Cremona, Bergamo e Mantova hanno presentato ricorso al TAR di Brescia chiedendo l’annullamento dell’obbligo vaccinale.

La notizia è stata riportata da ‘Il giornale di Brescia’. L’udienza e’ prevista il 14 luglio. “Non e’ una battaglia no vax, ma una battaglia democratica. Qui si obbliga una persona a correre un rischio altrimenti gli viene impedito di svolgere la professione”, queste le parole dell’avvocato Daniele Granara che ha presentato il ricorso contro AST Bergamo, ATS Brescia, ATS Val Padana e ATS Montagna.

Potresti leggere

Vaccini, Figliuolo: “Dopo i 40enni pronti a vaccinare i giovani”

“Sull’arrivo di nuovi vaccini l’Italia deve attendere l’approvazione di Ema e di…

Variante indiana Covid, l’Oms spiega: “Rilevata in 53 territori, maggiore trasmissibilità”

La variante del coronavirus scoperta per la prima volta in India è…

Coronavirus, la variante indiana più contagiosa di quella inglese: “Casi triplicati in una settimana”

Crescono le prove che la cosiddetta variante indiana del Sars-Cov-2 sarebbe piu’ contagiosa…