Le immagini di decine di cadaveri nelle fosse comuni o sparpagliati per le strade intorno alla capitale ucraina dopo il ritiro russo scioccano il mondo occidentale. Al 40esimo giorno di conflitto e mentre si intensifica l’offensiva russa nel sud del paese con la città di Mykolaiv colpita nella prima mattina da alcuni missili lanciati dall’esercito russo, l’orrore della guerra mostra il suo volto più crudo con il massacro dei civili compiuto a Bucha, da dove emergono centinaia di cadaveri.

Per Kiev è genocidio, mentre Mosca nega, affermando che si tratta di una provocazione degli ucraini per bloccare i negoziati. Draghi afferma che “la Russia dovrà render conto di quanto accaduto”. L’Onu parla di possibili crimini di guerra. Le notizie di esecuzioni sommarie lasciano gli occidentali inorriditi che rilanciano l’ipotesi di nuove e più incisive sanzioni anche energetiche contro la Russia di Putin, mentre aumenta il pressing per un’inchiesta indipendente.

Potresti leggere

La strage di Melilla, oltre 37 migranti morti dopo scontro con polizia

C’è chi parla di almeno 23 vittime, chi fa salire il bilancio…

Auto contro muro di recinsione in Irpinia, morte due ragazze di 28 anni

Drammatico incidente nella notte tra sabato e domenica in Irpinia. Due giovani…

Berlusconi vuole le dimissioni di Mattarella. Insorge il Pd

“Se la riforma” in senso presidenziale dello Stato “entrasse in vigore sarebbero…