Manfredi scende in campo per Napoli: "Ricominciare dai nostri giovani che emigrano"

“Voglio ripartire dalle periferie, non solo quelle geografiche. Dobbiamo ricominciare dai nostri giovani che emigrano, per studiare o per lavorare. E dalle disuguaglianze che frenano tutto il sud”, queste le parole del neocandidato sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, intervistato da Repubblica.

Manfredi è l’unico volto a incarnare il patto Pd-M5s, fin dal primo turno, nella partita delle amministrative d’autunno nelle grandi città. A chi gli chiede perché è tornato sui suoi passi risponde: “Non avrei potuto abbracciare una sfida e poi non essere in grado di dare risposte. Ma dopo la mia lettera, si è aperto un dibattito nazionale. Non solo su Napoli, ma sul grande tema dei Comuni, rimasto sotto traccia in tempo di Covid. E nel Patto ci sono risposte ad alcune mie richieste”.

La sua visione per Napoli: “In due parole: riconnetterla con l’Europa. Parliamo di una grande città. che da sempre ha un suo respiro culturale e progettuale internazionale. Ma bisogna richiamare tutte le intelligenze, offrire motivi ai giovani per restare”. E partirà “dalle periferie: non solo luogo di sofferenza: ma anche di grande opportunità per la crescita. Come le sacche di disagio nel centro storico acuite dal Covid”.

Potresti leggere

“Hanno confessato, c’è stato un danno”: via agli arresti per la strage del Mattarone

Da testimoni a fermati. Sono tre le persone della società che gestisce…

Una rivoluzione nella politica italiana

Un periodo all’insegna dei ‘nuovi inizi’ quello che, sempre piu’, si annuncia…

Come sta il piccolo Eitan, il punto sulle indagini dopo il crollo della funivia: il giallo del freno

C’e un cauto ottimismo per il bambino di cinque anni, l’unico sopravvissuto…