Si svolgera’ martedi’ 19 aprile alle ore 12,30 a palazzo Santa Lucia una riunione dei capigruppo regionali, alla presenza dei vertici della Leonardo, per un confronto sul piano industriale dell’azienda che ha annunciato il trasferimento del centro di produzione di microelettronica di Giugliano allo stabilimento del Fusaro. E’ questo un primo risultato dell’incontro tra una delegazione di lavoratori e sindacato con l’assessore regionale al lavoro, Antonio Marchiello, dopo il corteo che che visto i dipendenti del sito di Giugliano raggiungere palazzo Santa Lucia in concomitanza con le quattro ore di sciopero proclamate da Fim Fiom e Uilm. “I lavoratori di Giugliano – ha affermato il segretario generale della Fiom Cgil di Napoli, Rosario Rappa – stanno portando avanti una lotta che riguarda il territorio napoletano. La battaglia, in questa vertenza, non e’ motivata da licenziamenti o processi di ristrutturazione. Siamo di fronte ad una realta’, quella dell’elettronica, che ha un boom di ordini, che per via del raddoppio delle spese militari deciso dal governo, vedra’ nei prossimi anni una crescita esponenziale. Nei primi giorni di guerra e’ aumentato del 15 per cento il fatturato di Leonardo. Accorpare due realta’, in questo caso Giugliano e Fusaro, blocca lo sviluppo successivo”. “Si tenta di spostare – secondo Rappa – tutto lo sviluppo fuori dalla Campania, in particolare sul Lazio. Per cui e’ una battaglia che serve per il territorio, serve a garantire un processo di crescita, rispetto ad un ridimensionamento che c’e’ stato sulle aerostrutture. E’ necessario che la politica, cosi’ come ha fatto il sindaco di Giugliano, la stessa cosa la chiederemo al presidente della Regione, intervenga pesantemente su Profumo per bloccare questo scippo che riguarda le future generazioni”. “E’ in atto – ha sottolineato Nicola Ricci, segretario generale Cgil Napoli e Campania – una deindustrializzazione. Il fatto che Leonardo decida di chiudere Giugliano per accorparlo al sito del Fusaro e’ un’operazione che va in danno sia alle notevoli potenzialita’ nella creazione di posti di lavoro vista la prossima crescita di domanda tecnologica nel settore per via dei conflitti in atto, sia ad una idea di missione industriale di questa regione”. “Chiudere un’eccellenza come quella di Giugliano, in un settore strategico, e’ – ha concluso Ricci – un’operazione sbagliata. Chiediamo alla Regione Campania e a tutte le istituzioni di fare sistema. Vogliamo condividere un’idea di politica industriale. Fare operazioni di questo tipo non serve al sito di Giugliano e all’area industriale che lo circonda, tantomeno a creare un’occupazione aggiuntiva che guardi alle sfide tecnologiche e di transizione dei prossimi anni. Abbiamo chiesto all’assessore Marchiello di farsi promotore di un contradditorio con Leonardo e offrire il terreno per una rielaborazione della proposta industriale”.

Potresti leggere

Travolta e uccisa mentre passeggiava con un’amico, la vittima aveva 29 anni

Una ragazza di 29 anni è stata investita e uccisa da un’auto…

Malato di Sla, detenuto scarcerato dopo mesi di appelli e istanze: “Non riusciva a stare in piedi”

Affetto da una grave forma di Sla e ridotto quasi in fin di…

Maltempo in Campania, c’è l’allerta arancione: 24 ore di piogge

Maltempo in arrivo sulla Campania. Allerta arancione della Protezione civile per piogge e temporali anche di forte intensità su buona…