Fondo giovani con tassa di successione, Carfagna boccia idea Letta: "Impossibile, diseguaglianza Nord Sud intollerabile"

Mara Carfagna, ministra per il Sud, lascia Forza Italia, dopo quasi vent’anni di militanza tra le fila del partito, e in una intervista a Repubblica die: “Lo scorso 20 luglio si è varcato il Rubicone”.”Lo strappo del 20 luglio scorso è così determinante, segna con forza un “prima” e un “dopo”, uno spartiacque. La mancata fiducia a Draghi indica la rinuncia a ogni autonomia della componente liberale dalla destra sovranista – afferma – Fino al 19 luglio FI non avrebbe avuto alcun dubbio sulla linea in caso di problemi del governo: favorire la conclusione ordinata della legislatura, mettere in sicurezza famiglie e imprese, sostenere il premier più rispettato d’Europa per poi poterne rivendicare i successi in campagna elettorale. Dal 20 luglio il Rubicone è stato varcato. È stata fatta una scelta di totale discontinuità con la nostra storia e con le nostre relazioni europee e occidentali”.Carfagna spiega di essere “rimasta sulla sponda dove sono sempre stata. Di fronte a un bivio tra sottomettermi a una visione che non è la mia e rispettare quella in cui ho sempre creduto, non ho avuto alcun dubbio. In questo momento la priorità è mettere in sicurezza il Paese, non esporlo a salti nel buio”.Quella di Forza Italia, di negare la fiducia al Governo Draghi, “è stata una scelta di irresponsabilità”. E sottolinea di non temere ‘pestaggi mediatici’. “Perché dovrei averne? Oltretutto, in passato ho subito molti pestaggi mediatici e ho sempre risposto con la forza del mio lavoro. Qualsiasi saranno le scelte, poi, la mia lealtà personale a Berlusconi resta, e tutti lo sanno”, aggiunge. “Credo che l’esperienza del governo di salvezza nazionale, una esperienza davvero patriottica fondata su una visione concreta dei problemi e degli impegni internazionali dell’Italia, meriti un secondo tempo. Ci serve più europeismo e più credibilità verso ogni nostro alleato. È necessario affrontare le grandi questioni dello sviluppo, delle tasse, del lavoro, per risolverle e non per fare propaganda – risponde in merito all’invito di Carlo Calenda di costruire un fronte repubblicano – E penso anche all’azione per il Sud: per la prima volta dopo vent’anni il governo Draghi non lo ha trattato come zavorra ma come area su cui investire per creare più lavoro e più servizi. Il mio “fronte” è questo, questa sarà la mia battaglia del futuro”.

Potresti leggere

Marmolada, trovati altri resti organici e attrezzatura tecnica: continuano le ricerche

Continuano le ricerche sul ghiacciaio della Marmolada nel corso delle quali sono…

Alessandro morto a 13 anni volando dalla finestra, il prete ai funerali: “Guai a voi che ridete”

Si sono tenuti questo mercoledì mattina i funerali di Alessandro, il giovane…

Medvedev minaccia l’Occidente: “Pronti ad utilizzare le armi nucleari”

“Si terranno referendum e le repubbliche del Donbass e altri territori saranno…