Nonostante arresti e pentimenti , il clan Lo Russo, roccaforte nel quartiere di Napoli di Miano, non era finito. La cosca, con vecchie e nuove leve, si stava riorganizzando e per fare soldi aveva iniziato a fare estorsioni in modo capillare. Richieste di ‘pizzo’ alte e a tutti quelli che producevano e commerciavano nella zona, anche beni di prima necessita’ come pane e acqua. I carabinieri, su ordine della Dda partenopea, hanno eseguito un decreto di fermo per otto affiliati. I destinatari dei provvedimenti di fermo sono Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto “Totore o’ Cavallo”, Cesare Duro, 21 anni, Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Vincenzo Pagliaro, 20 anni, detto “Vincenzo o’ Pagliaro”, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto ‘o mostr e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto Raffaele o’ pazz.

Potresti leggere

È morto il bimbo di 4 mesi ricoverato al Santobono di Napoli: “Sentiti i genitori”

È morto il bimbo ricoverato al Santobono. Il piccolo trasferito da Benevento a Napoli aveva un grave trauma cranico

Zelenski ringrazia l’Italia e la Meloni: “L’aspettiamo a Kiev”

Dall’Italia “abbiamo ricevuto un pacchetto di aiuti, il che significa che il…

Sparatoria nell’università del Michigan, tre morti e cinque feriti: killer in fuga

Doppia sparatoria nell’Università statale del Michigan, negli Stati Uniti, lunedì. Il bilancio…