Nonostante arresti e pentimenti , il clan Lo Russo, roccaforte nel quartiere di Napoli di Miano, non era finito. La cosca, con vecchie e nuove leve, si stava riorganizzando e per fare soldi aveva iniziato a fare estorsioni in modo capillare. Richieste di ‘pizzo’ alte e a tutti quelli che producevano e commerciavano nella zona, anche beni di prima necessita’ come pane e acqua. I carabinieri, su ordine della Dda partenopea, hanno eseguito un decreto di fermo per otto affiliati. I destinatari dei provvedimenti di fermo sono Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto “Totore o’ Cavallo”, Cesare Duro, 21 anni, Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Vincenzo Pagliaro, 20 anni, detto “Vincenzo o’ Pagliaro”, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto ‘o mostr e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto Raffaele o’ pazz.

Potresti leggere

Aumenta il costo del gas, diminuisce la fornitura: pronto un vertice Ue

Dopo una partenza di giornata calma e un picco nel secondo pomeriggio,…

Fine pandemia in Europa, Oms: “Con Omicron siamo vicini”

È “plausibile” che con Omicron l’Europa “si stia avviando alla fine della…

Ndrangheta, operazione in Piemonte: decine di arresti

E’ in corso un’operazione di POLIZIA contro la ‘Ndrangheta, coordinata dalla Procura…