La Russia intensifica l'attacco a Kiev

La Russia amplia l’attacco in Ucraina. Il ministero della Difesa russo ha dato ordine alle forze in Ucraina di “espandere l’offensiva”. “Oggi, a tutte le unità è stato ordinato di espandere l’offensiva in tutte le direzioni, secondo i piani“, ha affermato il ministero della Difesa in una nota.

La velocità dell’avanzata delle forze russe in Ucrainaè temporaneamente rallentata, probabilmente come risultato di acute difficoltà logistiche e della forte resistenza ucraina“, secondo un aggiornamento dell’intelligence britannica, diffuso via social dal Ministero della Difesa del Regno Unito. Le forze russe, secondo i servizi segreti d’Oltremanica, stanno “bypassando i principali centri abitati“, lasciando però risorse sufficienti a “circondarli e isolarli“. Prendere Kiev resta “l’obiettivo militare primario della Russia” e gli scontri notturni nella capitale hanno “probabilmente coinvolto un numero limitato di squadre di sabotatori russi preposizionale”.

La Russia intensifica l’attacco a Kiev

L’ordine di ampliare l’attacco “in tutte le direzioni” arriva in una giornata caratterizzata da ripetute comunicazioni contrastanti, sull’asse MoscaKiev, in relazione all’ipotesi di avviare un dialogo. Il presidente Vladimir Putin aveva ordinato ieri lo stop temporaneo all’avanzata in Ucraina, in attesa di possibili negoziati con Kiev, ma l’operazione è ripersa oggi dopo che la leadership ucraina ha rifiutato di negoziare, secondo quanto affermato dal portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. “Ieri pomeriggio, in connessione con gli attesi negoziati con la leadership ucraina, il presidente russo ed il comandante supremo hanno ordinato la sospensione dell’avanzata delle principali forze – ha detto Peskov in un briefing con i giornalisti -. Dal momento che la parte ucraina ha essenzialmente rifiutato di negoziare, l’avanzata delle principali forze russe è ripresa questo pomeriggio secondo i piani operativi“.

La Russia intensifica l’attacco a Kiev: la comunicazione del ministero della Difesa

Kiev ha immediatamente smentito di non aver voluto negoziare. Un consigliere dell’ufficio presidenziale ucraino, riferisce Sky News, ha spiegato di voler ascoltare le condizioni del negoziato per il cessate il fuoco, ma che non accetterà ultimatum, che verrebbero considerati “un tentativo di disgregare l’Ucraina e di costringerla ad accettare condizioni inaccettabili“.

Potresti leggere

Vaccini, raid no vax a Napoli

Raid no vax al centro vaccinale di Napoli della Mostra d’Oltremare, nel…

Mariupol assediata, la ‘soluzione’ di Putin: “Arrendetevi e deponete armi”

Dopo gli appelli degli ultimi giorni delle autorità ucraine a evacuare i…

Ucraina, attacchi ad ospedali e ambulanze in aumento: l’allarme dell’OMS

C’è un altro aspetto della guerra in Ucraina che preoccupa non poco,…