“Il perdurare di una campagna diffamatoria circa una presunta attività di dossieraggio da parte della comunità di intelligence (in realtà inesistente), mi ha convinto a chiedere al Dis di declassificare il tanto evocato ed equivocato Bollettino sulla disinformazione che avrebbe ispirato il noto articolo apparso sul Corriere della Sera”. Così l’Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica, Franco Gabrielli. “Auspico – ha aggiunto Gabrielli – che la sua lettura integrale porti alla definitiva cessazione di ogni infamante sospetto sull’attività dell’Intelligence nazionale o su fantomatici indirizzi governativi volti a limitare il diritto di informazione”.

Potresti leggere

Sant’Egidio attacca Meloni e Salvini

“Non possiamo considerare normale questa violenza” Roma, 31 lug. (askanews) – In…

Mosca accusa Washington: “E’ diventata parte del conflitto con l’Ucraina”

Mosca accusa Washington di essere ‘di fatto’ diventata parte del conflitto ucraino e dice…

Papa Francesco: “Essere omosessuali non è un crimine”

Papa Francesco ha criticato le leggi che criminalizzano l’omosessualità come “ingiuste”, affermando…