Il capo della Chiesa ortodossa russa ha dato la colpa ai valori liberali occidentali, in particolare alle parate per i diritti degli omosessuali, per l’invasione russa dell’Ucraina nel suo sermone domenicale.

“Per otto anni ci sono stati tentativi di distruggere ciò che esiste nel Donbass“, ha detto il patriarca Kirill, fedelissimo di Putin. “E nel Donbass c’è un rifiuto dei cosiddetti valori che vengono” sbandierati dai Paesi occidentali, “il gay pride” è un “test” per dimostrare la lealtà all’Occidente e “sappiamo che se le persone o i paesi rifiutano queste richieste, diventano estranei al mondo più potente”.

Secondo Kirill le repubbliche separatiste del Donbass hanno respinto questo “test di lealtà”. Il patriarca ha quindi affermato che la guerra riguarda la divisione tra i sostenitori del gay pride – o i governi occidentali che li permettono – e i loro oppositori nell’Ucraina orientale sostenuta dalla Russia.

Potresti leggere

Biden avverte Putin: “Se utilizzi armi chimiche noi risponderemo”

“Risponderemo all’uso di armi chimiche da parte di Mosca, la Nato risponderà”.…

Mariupol assediata dai russi: “L’anello si sta restringendo e la gente muore per sete”

“La bandiera ucraina sventola su Mariupol, la città è circondata, le forze…

Italia, è allarme siccità: rischio razionamenti

Passano i giorni, non piove e l’emergenza siccità si aggrava. Le regioni…