Il premier incaricato Benyamin Netanyahu – dopo quella con Itamar Ben Gvir – ha firmato una intesa di governo con Avi Maoz esponente di destra radicale, considerato omofobo, ultraconservatore e antiarabo.

L’accordo prevede che a Maoz sia affidato l’incarico di capo del nuovo dipartimento ‘Identità ebraica’ con il titolo di vice ministro. Una mossa condannata dall’attuale premier e capo dell’opposizione Yair Lapid come “nulla altro che follia”. “Ogni giorno che passa – ha spiegato – a prefigurarsi è, più che un governo di destra totale, un esecutivo completamente fuori di testa”.

Maoz – unico deputato della formazione radicale di destra ‘Noam’ – è tra le altre cose uno dei più accesi sostenitori della necessità di rivedere, in senso fortemente restrittivo, la Legge del Ritorno di David Ben Gurion che permette la cittadinanza israeliana ai figli e nipoti di ebrei. Inoltre è favorevole – hanno ricordato i media – a permettere la pseudoscientifica ‘terapia di conversione’ per i gay.

Potresti leggere

La richiesta di Trump a Putin: “Diffondi le informazioni sul figlio di Biden”

Donald Trump ha invitato il presidente russo Vladimir Putin, coinvolto nella guerra…

Gli USA avvertono l’Ucraina: “Invasione della Russia entro le 48 ore”

L’amministrazione Biden ha informato il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, che secondo informazioni…

Covid, la Cina allenta le misure restrittive: nuove regole ‘più soft’

La Cina ha annunciato oggi un allentamento generale delle restrizioni di prevenzione…