Secondo il comune di Mariupol, sarebbero quasi 1600 le vittime civili dall’inizio delle guerra: “1.582 pacifici residenti di Mariupol sono stati uccisi dalle forze di occupazione russe in 12 giorni di blocco della città e bombardamenti spietati dei quartieri residenziali”. Nei giorni scorsi, molti cadaveri sono stati sepolti in fosse comuni. 

Sono almeno 78 i bambini uccisi in Ucraina dal 24 febbraio, inizio dell’invasione russa nel Paese. A riportarlo è il Guardian, che cita il difensore civico ucraino per i diritti umani Lyudmyla Denisova. Una cifra da prendere ‘con le molle’, in quanto non verificabile in maniera indipendente.

Per l’Onu  sono almeno 549 i civili morti e 957 quelli rimasti feriti in Ucraina dall’inizio delle ostilità, il 24 febbraio scorso. Lo ha detto alla stampa il portavoce dell’Alto Commissariato per i Diritti Umani dell’Onu, Liz Throssell, riferendo di “attacchi indiscriminati” da parte delle forze russe “dentro o vicino ad aree popolate” con armi come “missili, proiettili di artiglieria pesante e razzi, nonché attacchi aerei”

Potresti leggere

Taglio accise e buoni benzina, la bozza del decreto Energia dopo i prezzi alle stelle

Bollette rateizzate per le imprese fino a 24 mesi, un garante per la trasparenza dei…

Ucraina, fronte unito del G7 contro Putin

‘Forte messaggio di unità dai leader del G7. Putin “spera che qualcuno…

Fulmine uccide due ciclisti: muore l’imprenditore Alberto Balocco

Uccisi da un fulmine mentre erano in bicicletta, su una mountain bike…