“Il Parlamento europeo è nuovamente chiamato ad accordare modifiche al regolamento REACT-EU per avere più flessibilità nell’uso dei fondi europei per l’emergenza che gli Stati membri stanno vivendo a causa del conflitto in Ucraina. Il Movimento 5 Stelle supporterà questa richiesta, ma vorrebbe che ci interrogassimo sull’adeguatezza del bilancio europeo e delle sue regole per far fronte alle emergenze. Ci troviamo di fronte a un conflitto che non eravamo preparati ad affrontare: l’Unione Europea deve stabilire un sistema veloce e rapido di emergenza. Innanzitutto dobbiamo poter creare un sistema obbligatorio ed automatico di ricollocamento per i rifugiati, ispirato ai principi di solidarietà ed equa ripartizione delle responsabilità, in grado di venire in aiuto ai Paesi in prima linea”. Così Chiara Gemma, europarlamentare del Movimento 5 Stelle in un intervento in plenaria.

“Dobbiamo – ha proseguito Gemma – prevedere misure di integrazione dei rifugiati nei sistemi scolastici e sanitari degli Stati membri e al contempo dobbiamo poter affrontare in modo efficace le ripercussioni economiche ed energetiche sui nostri cittadini. Ci aspetta – ha concluso l’europarlamentare nel suo intervento – un duro lavoro per non farci trovare impreparati ad affrontare l’evoluzione del conflitto”.

Potresti leggere

L’ira di Conte su Draghi, l’arrivo di Grillo a Roma scuote la maggioranza: “Parole gravi”

“Vorrei precisare che Grillo mi aveva riferito di queste telefonate, vorrei chiarire…

Governo, sindaci Pd contro Draghi

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha detto di non aver sentito…

Renzi esce allo scoperto: “C’è il partito Draghi a cui dobbiamo dare una casa”

“C’è uno spazio che può salvare il Paese. È l’area Draghi, oggi,…