Una circolare dello Stato maggiore dell’Esercito italiano dello scorso 9 marzo, che ha pero oggetto le “evoluzioni sullo scacchiere internazionale“, raccomanda di valutare con attenzione i congedi anticipati e invita i reparti, “alimentati al 100%“, alla prontezza operativa, ovvero a un addestramento “orientato al warfighting” (combattimento) e a fare in modo che “siano raggiunti e mantenuti i massimi livelli di efficienza di tutti i mezzi cingolati, gli elicotteri e i sistemi d’arma dell’artiglieria”.

Nella circolare si offrono inoltre precise indicazioni ad uso interno su personale, addestramento, impiego delle unità e sistemi d’arma, alla luce dei “noti eventi” di questi giorni, con riferimento alla guerra in Ucraina. Secondo quanto indicato, occorre valutare con la massima attenzione la concessione di congedi anticipati, poiché dovrà essere compiuto “ogni possibile sforzo” per assicurare “le capacità pregiate” disponibili.

Nel documento, le cui indicazioni sono da considerare attuate “con effetto immediato“, si chiede di limitare per quanto possibile “il frazionamento delle unità”, valutando ogni richiesta dei territori, che dovrà avere un avallo “a livello centrale”. Al personale in ferma prefissata è indicato invece di alimentare in via prioritaria “i reparti che esprimono unità in prontezza”.

Anche gli “assetti sanitari” dovranno tenere in considerazione “i prioritari impegni” con relazione alle “forze in prontezza”. Le indicazioni – si precisa nella circolare – sono da attuarsi “con effetto immediato”.

Potresti leggere

La Meloni risponde all’opposizione: “Con noi non è in pericolo la democrazia”

Giorgia Meloni non crede, come invece affermano suoi avversari politici, che una…

Mascherine, settimana prossima arriva la decisione

“Sara’ presa la prossima settimana la decisione finale sull’obbligo di utilizzare le…

La Russia minaccia: “Useremo armi nucleari se nostra esistenza è minacciata”

Parole durissime arrivano dal Cremlino. In una intervista alla Cnn, il portavoce…