Salvini

“Bisogna iniziare a dire la verita’ sul Piano nazionale di ripresa e resilienza, che sono fondi a prestito e quindi a debito. Stanti gli attuali costi dell’energia e delle materie prime, meta’ delle opere scritte rimarranno ferme. Occorre essere molto attenti e prudenti. Motivo per cui alcuni ministri strategici e’ impensabile toccarli e dal mio punto di vista lo stesso presidente del Consiglio, Mario Draghi, che e’ stato il regista di questa operazione, e’ complicato ipotizzare di rimuoverlo”. Lo ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, durante la conferenza stampa del partito, a Montecitorio, dal titolo “Caro bollette e provvedimenti del governo”.

Potresti leggere

De Luca vuole la quarta dose in Campania per tutti

“Sarà probabile l’introduzione anche della quarta dose. Veniamo da due anni di…

Editoria, Amedeo Laboccetta (Polo Sud): “Congratulazioni ad Augusto Minzolini per l’importante incarico”

  “Voglio esprimere sincere congratulazioni ad Augusto Minzolini appena nominato direttore de…

Guerra in Ucraina, Draghi si appella alla Cina: “Lavori per il dialogo e la pace”

Draghi parla alla Cina. Il discorso del Presidente del Consiglio in Parlamento in merito anche alla crisi energetica e all’Ue