Bisogna soccorrere un Paese che non si può difendere da solo, ma quali sanzioni?“. Così è partita in segreto per l’Ucraina per combattere come volontaria e adesso fa parte delle Forze Speciali della Legione Internazionale, creata dal presidente Volodymyr Zelensky per supportare l’esercito ucraino contro l’invasione russa avvenuto lo scorso 24 febbraio. Giulia Schiff, 23 anni lo scorso 2 gennaio, è un’ex pilota dell’areonautica militare, dalla quale è stata espulsa dopo una vicenda giudiziaria partita da una sua denuncia per mobbing e violenze, che avrebbe subito durante il suo ‘battesimo del volo‘ dopo il percorso di formazione all’Accademia aeronautica di Pozzuoli (Napoli).

Originaria di Mira, comune in provincia di Venezia, Giulia Schiff è l’unica donna presente nelle Forze Speciali della Legione Internazionale in Ucraina. Da giorni è nei pressi di Kiev per combattere come volontaria. Il suo viaggio e l’esperienza in un territorio di guerra verranno raccontati in un reportage che verrà trasmesso da “Le Iene“, a partire dalla puntata di mercoledì 23 marzo su Italia 1. La 23enne “non ha rinunciato al sogno di poter aiutare il prossimo, decidendo di partire per unirsi ai soldati giunti da tutto il mondo nelle terre del conflitto” spiega in una nota la trasmissione Mediaset.

Lo scorso 25 febbraio, il giorno dopo l’invasione dell’esercito di Vladimir Putin, Giulia così commentava sui social: “Non ci sono giustificazioni per non reagire. Bisogna soccorrere un Paese che non si può difendere da solo invaso da una delle potenze del mondo tra l’altro con motivazioni ridicole… a maggior ragione che è nostro vicino di casa. Quante parole inutili, ma quali sanzioni? Perché potremo veramente aiutare e invece stiamo a guardare? Veramente si stanno preoccupando del rincaro del gas e dei profughi che emigreranno? Tutta questa ipocrisia avrà delle conseguenze. Vergogna“.

La 23enne ha inviato i primi video della sua esperienza nella Legione Internazionale all’inviata delle Iene Roberta Rei. Nelle sue storie su Instagram la si vede poggiata a un tavolo in divisa militare e con un fucile accanto. In un altro breve video Giulia è in un’auto, presumibilmente nella zona di Kiev, e mostra i danni del conflitto che ha raggiunto quasi il suo primo drammatico mese.

Potresti leggere

Accoltella la moglie in casa e la uccide, poi si consegna ai carabinieri

Ancora un femminicidio in Italia. Una donna è stata uccisa dal marito…

Camorra liberata dai clan dell’ultima faida, blitz a Napoli nord: 27 arresti

Negli ultimi mesi l’area a Nord di Napoli è stata scossa da raid…

L’omicidio della piccola Elena, uccisa dalla madre perché gelosa della compagna del papà

Aveva pianificato tutto Martina Patti, la 23enne accusata dell’omicidio della figlioletta di 5…