Dopo l’uccisione del giornalista freelance americano Brent Renaud, 51 anni, un altro reporter è rimasto gravemente ferito in Ucraina in seguito a un attacco russo ed è attualmente ricoverato in terapia intensiva dopo che i medici gli hanno diagnosticato una frattura ad entrambe le gambe. Si tratta di un giornalista britannico secondo quanto ha fatto sapere Iryna Venediktova, consulente legale del premier ucraino Volodymyr Zelensky.

Il ferimento è avvenuto nel pomeriggio del 14 marzo nell’oblast’ di Kiev. Si tratta di Benjamin Hall, 39enne giornalista dell’emittente Fox News Ad annunciarlo anche la stessa emittente con il giornalista John Roberts che ha spiegato: “Al momento abbiamo pochissimi dettagli, ma le squadre sul campo stanno lavorando il più duramente possibile per cercare di raccogliere più informazioni”. Secondo Roberts il giornalista britannico è stato ferito mentre “stava raccogliendo informazioni fuori Kiev”.

Il reporter sarebbe rimasto ferito in seguito all’esplosione di un ordigno ma al momento non ci sono ulteriori dettagli.

Poi l’appello di Iryna Venediktova ai Paese europei: “Capisco che la questione è delicata, ma conto che i leader del mondo civile si decidano il prima possibile per la No Fly Zone. Ancora una volta, vorrei rivolgermi ai nostri partner: un cittadino del vostro paese si trovava sul territorio dell’Ucraina, svolgendo un compito editoriale. Quest’uomo non era presso la struttura militare, che, secondo i funzionari russi, prendono costantemente di mira. È stato gravemente ferito mentre non si trovava nella struttura militare”.

Potresti leggere

Nuova notte di bombardamenti e sirene in Ucraina, russi si avvicinano a Kiev: recuperati corpi 2 bambini sotto le macerie

Si è conclusa un’altra notte di bombardamenti in Ucraina. Notte di sirene…

Ucraina “Difficile attivare corridoi umanitari, tregue fragili”, la denuncia da portavoce della Croce Rossa

“Difficile mettere in opera i nove corridoi umanitari per evacuare i civili…

Russia, condannato Navalny: 9 anni di carcere per l’oppositore di Vladimir Putin

Condannato Navalny. La sentenza del Tribunale di Mosca: le accuse erano di oltraggio alla Corte e appropriazione indebita