La procuratrice generale ucraina, Irina Venediktova, ha fatto sapere, dopo una visita serale a Bucha, che si stanno già indagando non meno di 5.000 casi di presunti crimini di guerra commessi dai militari di Mosca.

I crimini di guerra, ha aggiunto il magistrato, sono i primi che si indagano, “seguiti dai crimini contro l’umanità e dal genocidio”. Blinken ha detto di “temere, purtroppo, che ne vedremo ancora (di orrori) man mano che i russi si ritirano, annunciando che gli Stati Uniti hanno stanziato altri 100 milioni di dollari di aiuti militari supplementari a Kiev, per “venire incontro all’urgente bisogno dell’Ucraina di sistemi anti-corazzati”, cioè di missili guidati Javelin che i militari Ucraini hanno impiegato finora con successo contro i carri armati russi.

Lo shock delle prime immagini dei morti abbandonati lungo le strade di Bucha, che si è poi appreso essere stati lasciati li da giorni o settimane, come provano immagini scattate quasi un mese fa da satelliti Usa, si è poi allargata con l’annuncio di nuovi orrori emersi a Irpin e Borodyanka. Le agghiaccianti immagini di cadaveri carbonizzati o abbandonati alla decomposizione, stritolati dai carri armati o gettati in bidoni e tombini come spazzatura, mostrati nel video che ha accompagnato il ‘j’accuse’ del presidente ucraino Volodymyr Zelensky all’indirizzo del Consiglio di sicurezza dell’Onu, hanno fatto il resto.

Potresti leggere

L’avanzata russa su Kiev e pioggia di bombe sul resto dell’Ucraina, Scholz-Macron a Putin: “Subito la tregua”

Nuova telefonata sulla situazione in Ucraina tra il cancelliere tedesco Olaf Scholz,…

Mosca impone la resa ai resistenti di Mariupol: “Deponete le armi o vi uccideremo tutti”

La resistenza di Mariupol. L’avvertimento del Cremlino alla resistenza della città costiera. “Arrendetevi o vi stermineremo”

Acciaieria bombardata a Mariupol, civili sotto le macerie ma “combatteremo fino alla fine”

“Combatteremo, useremo ogni cartuccia che ci è rimasta, ma chiediamo alla patria…