Il leader della Lega Matteo Salvini è stato contestato al suo arrivo alla stazione Przemysl, la cittadina ad una decina di chilometri al confine con l’Ucraina.

 Il sindaco della città Wojciech Bakun ha prima ringraziato l’Italia e poi ha mostrato una maglietta con il volto di Putin e rivolgendosi a Salvini ha detto: “Io non la ricevo, venga con me al confine a condannarlo”.

Anche un gruppetto di italiani ha contestato il leader leghista urlando: “Buffone”.

Salvini non ha raccolto la provocazione dicendo di essere lì per portare “aiuti e la pace”.
“Non ci interessa la polemica della sinistra italiana o polacca, siamo qui per aiutare chi scappa dalla guerra”, ha replicato Matteo Salvini dopo la contestazione alla stazione di Przemysl.

Potresti leggere

Agicom, stop a Vespa e alla Rai: “Dibattito solo tra due candidati viola le regole”

“La programmazione di un unico confronto televisivo tra due soli soggetti politici,…

Fucilata di De Magistris contro Di Maio

“Di Maio ha abiurato a 15 anni di movimento 5S, rinnegando la…

Votazione Quirinale, Boccia lancia l’allarme: “Non ci sono numeri, serve compromesso”

Proprio nella giornata in cui si aprono le votazioni per il Qurinale,…