Il leader della Lega Matteo Salvini è stato contestato al suo arrivo alla stazione Przemysl, la cittadina ad una decina di chilometri al confine con l’Ucraina.

 Il sindaco della città Wojciech Bakun ha prima ringraziato l’Italia e poi ha mostrato una maglietta con il volto di Putin e rivolgendosi a Salvini ha detto: “Io non la ricevo, venga con me al confine a condannarlo”.

Anche un gruppetto di italiani ha contestato il leader leghista urlando: “Buffone”.

Salvini non ha raccolto la provocazione dicendo di essere lì per portare “aiuti e la pace”.
“Non ci interessa la polemica della sinistra italiana o polacca, siamo qui per aiutare chi scappa dalla guerra”, ha replicato Matteo Salvini dopo la contestazione alla stazione di Przemysl.

Potresti leggere

Luigi Di Maio minacciato di morte sui social, identificati e perquisiti presunti responsabili

Individuati e perquisiti i presunti responsabili delle minacce rivolte al ministro degli…

Scabec e consulenze: la Lega “inchioda” De Luca

“Stando a quanto riportato da diversi organi di stampa nelle ultime settimane,…

2 giugno, Gemma (M5S): “Valori Repubblica minacciati da guerra nel cuore dell’Europa”*

“Dopo 85 anni di Monarchia il 2 giugno 1946, grazie a un…