Il leader della Lega Matteo Salvini è stato contestato al suo arrivo alla stazione Przemysl, la cittadina ad una decina di chilometri al confine con l’Ucraina.

 Il sindaco della città Wojciech Bakun ha prima ringraziato l’Italia e poi ha mostrato una maglietta con il volto di Putin e rivolgendosi a Salvini ha detto: “Io non la ricevo, venga con me al confine a condannarlo”.

Anche un gruppetto di italiani ha contestato il leader leghista urlando: “Buffone”.

Salvini non ha raccolto la provocazione dicendo di essere lì per portare “aiuti e la pace”.
“Non ci interessa la polemica della sinistra italiana o polacca, siamo qui per aiutare chi scappa dalla guerra”, ha replicato Matteo Salvini dopo la contestazione alla stazione di Przemysl.

Potresti leggere

Piantedosi convoca Comitato per Ordine e Sicurezza: “Immigrazione e baby gang nostre priorità”

Il neoministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha annunciato nel corso di un intervento…

La lettera di Draghi: “Mi dimetto, venuto meno patto fiducia”

La rinuncia all’incarico del premier Mario Draghi viene anticipata da un comunicato.…

Zaki, via libera alla cittadinanza

Il governo dovra’ “avviare tempestivamente mediante le competenti istituzioni le necessarie verifiche…