Intesa tra Pd e Azione-+Europa in vista delle elezioni del 25 settembre. A renderlo noto mentre è in corso l’incontro tra Letta e Calenda a Montecitorio, fonti di Azione. Per il Pd partecipano anche le capigruppo di Camera e Senato, Debora Serracchiani e Simona Malpezzi, e il coordinatore della segreteria, Marco Meloni. Per Più Europa ci sono Benedetto Della Vedova e Riccardo Magi.

“Veniamo con spirito costruttivo, non é difficile se c’é la volontà”, aveva detto il leader di Azione entrando a Montecitorio. “Siamo gli unici talmente liberi e coraggiosi che andiamo anche da soli a fare il terzo polo”, ribadisce intanto Matteo Renzi parlando a Rtl. Il leader di Iv ritiene una “ottima idea” poterlo fare con Carlo Calenda. Ma – aggiunge -“non voglio pretendere di decidere le cose degli altri. Preferisco stare sui contenuti. Ma il punto vero è che ciascuno fa i suoi conti, da una parte c’è la necessità di raccontare un progetto credibile ai cittadini e dall’altra dire: ‘se stiamo insieme sono più tranquillo perché so quanti seggi scattano'”.

Ieri il leader di Azione ha proposto al segretario Pd: “Vediamoci con Più Europa e chiudiamo in un senso o nell’altro”. Letta ha raccolto: “Incontriamoci, ma senza preclusioni, no ai veti e no alle sportellate”. Le condizioni poste da Calenda riguardano i collegi uninominali: per non scoraggiare i suoi elettori,, Azione non vuole come candidati Luigi Di Maio, il segretario di Si Nicola Fratoianni e il coportavoce dei Verdi Andrea Bonelli: “Se la risposta sarà ‘No’ allora, caro Enrico Letta, la responsabilità della rottura sarà interamente tua”, spiega senza giri di parole Carlo Calenda. Il segretario del Pd replica lanciando un appello: “Si proceda, senza veti reciproci, a costruire un’alleanza”, perché “ogni divisione rappresenterebbe un regalo alla destra”. Poi la replica sui candidati bocciati dal leader di Azione: “Questo tema del dare diritto di tribuna alle diverse anime del centrosinistra non è da dileggio o da prenderci in giro”, perché “l’impegno del Pd è costruire alleanze che siano larghe e che ci consentano di essere forti e competitivi: noi vogliamo vincere, non partecipare”. Che poi non è solo un fatto di nomi. “Azione e Più Europa sono stimati al 4,4% in coalizione col Pd – calcola YouTrend – invece al 3,3% fuori dal centrosinistra”. Ma è anche vero che una mancata alleanza costerebbe 16 collegi a centrosinistra e Azione/+Europa.

Potresti leggere

Salvini contro la liberalizzazione: “Chi si schiera per la droga libera responsabile morte migliaia di giovani”

Matteo Salvini ribadisce la posizione della Lega rispetto alla liberalizzazione della droga.…

Pd, Letta verso le dimissioni. Ma Nazareno smentisce

La notizia della dimissioni di Enrico Letta “e’ del tutto infondata”. Lo…

Francesco Pio Maimone ucciso a Napoli a 18 anni, sparatoria nata da piede pestato

Un piede pestato: sarebbe questo il motivo scatenante della sparatoria nella quale…