Dopo 54 giorni, al ritorno a casa a Napoli in occasione delle festività natalizie è stato accolto da parenti e amici con fuochi d’artificio e una festa speciale. E’ la storia a lieto fine di un 16enne malato di fibrosi cistica, è ritornato a vivere dopo che lo scorso ottobre è stato sottoposto all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma a un doppio trapianto di fegato e polmoni dopo essere finito anche in terapia intensiva a causa dell’aggravarsi della sue condizioni.

Dopo quasi due mesi Andrea è tornato finalmente a casa accolto dall’affetto e dalla gioia dei suoi cari. “Oggi posso dire che i miracoli esistono – ha dichiarato la madre -. Lo scorso Natale iniziavamo il percorso al Bambino Gesù con l’unica, ma incerta, prospettiva di un trapianto per salvare la vita di mio figlio. Averlo oggi a casa con me è il regalo di Natale più grande e inaspettato. Desidero ringraziare tutti i medici e gli operatori per la loro professionalità e umanità e, soprattutto, per aver creduto con noi, e a volte più di noi, che mio figlio potesse tornare a vivere”.

Andrea è stato seguito presso il Centro Fibrosi Cistica di Napoli, del Policlinico Federico II, dal 2016. A causa del progressivo peggioramento delle sue condizioni, è stato preso in carico dal Centro Fibrosi Cistica del Bambino Gesù in vista di un programma di trapianto. Poiché la malattia aveva provocato una grave insufficienza respiratoria e danneggiato gravemente anche il fegato, lo scorso marzo – riferisce l’ospedale Bambino Gesù – è stato inserito nella lista di attesa per un trapianto combinato di polmoni e fegato. Una delle principali complessità di questo tipo di intervento è la scarsa disponibilità di donatori che abbiano caratteristiche immunologiche e dimensionali degli organi tali da permettere il prelievo contemporaneo di polmoni e fegato. L’attesa del trapianto è stata pertanto lunga, con un progressivo peggioramento delle condizioni respiratorie che hanno portato, alla fine di settembre, ad un ricovero urgente in terapia intensiva, con necessità di intubazione e ventilazione meccanica.

Grazie al sistema del Centro Nazionale Trapianti e dei Coordinamenti Regionali che gestiscono la rete italiana per i trapianti, due equipe del Bambino Gesù, trovato un donatore idoneo, hanno potuto recarsi nell’ospedale dove si trovava per prelevare gli organi. Intanto nell’Ospedale della Santa Sede, nella sala operatoria della Cardiochirurgia, è iniziato l’intervento di trapianto: sono stati rimossi i polmoni malati, il paziente è stato messo in circolazione extracorporea – grazie alla macchina cuore-polmoni che ne sostituisce temporaneamente le funzioni – e sono stati impiantati i nuovi polmoni arrivati nel frattempo a Roma.

Ripresa la funzione dei polmoni e del cuore, è stata interrotta la circolazione extracorporea e realizzato il trapianto del fegato. L’intervento è durato complessivamente 22 ore; se si aggiungono anche le procedure di prelievo effettuate nell’ospedale del donatore, sono state necessarie più di 36 ore. L’intervento ha coinvolto più di 40 professionisti. “Nessuno dei risultati eccezionali conseguiti e di cui siamo davvero fieri – dice Mariella Enoc, presidente del Bambino Gesù – sarebbe mai possibile senza la generosità dei donatori e delle loro famiglie. La loro disponibilità è l’elemento indispensabile per l’attività di trapianto di organi che in Italia ogni anno cura più di 3000 pazienti”.

Potresti leggere

Strage di Cutro, Mattarella in visita ai bimbi in ospedale con giocattoli e peluche

Sono quindici i superstiti del naufragio al largo delle coste di Steccato di Cutro ricoverati all’ospedale…

Vaccini in Lombardia, Bertolaso parla delle scorte: “Con tutto quello che abbiamo arriviamo al 10 giugno”

Situazione vaccini in Lombardia. Guido Bertolaso, consulente della Regione nella campagna vaccinale, ha…

Covid, è nuovo allarme in Cina: milioni di contagi e “posti esauriti ai forni crematori”

Posti esauriti ai forni crematori, aumento dei letti in terapia intensiva, cliniche della febbre per ospitare chi ha…