boccia pd

Con l’aumento dei contagi in Italia, anche a causa del dilagare della variante Omicron, il rischio è che si arrivi a 10milioni di persone in isolamento. Per questo motivo pare che si stia analizzando la possibilità di ridurre il periodo di isolamento per le persone vaccinate.

Sulla questione è intervenuto Francesco Boccia. Il deputato PD ha spiegato che non basta la riduzione dell’isolamento per chi ha ricevuto la terza dose, ma si dovrebbe intervenire valutando un lookdown per chi non ha nemmeno la prima dose.

“La riduzione della quarantena per i vaccinati con la terza dose la valuteranno gli scienziati del Cts e come sempre proporranno le scelte più corrette e prudenti. Ma non basta, la politica con il vaccino sul tavolo non può inseguire il virus e le code per i tamponi in tutta Italia, da nord a sud, dimostrano che lo si insegue più di quanto non vada contrastato. L’obbligo vaccinale e lockdown mirati a chi non è vaccinato in alcuni momenti come quello della pausa natalizia avrebbero protetto ancora di più la salute di tutti, difeso la vita e tutelato operatori e reti sanitarie. Il Partito Democratico ha sempre chiesto il massimo rigore possibile, ma in maggioranza ci sono partiti che per troppo tempo hanno strizzato l’occhio a negazionisti e no vax, salvo poi essere smentiti dalla realtà. Con la volontarietà abbiamo toccato fino all’85% di doppie dosi ma è evidente che non è bastato perché la copertura dopo 5-6 mesi si riduce e bisogna mantenere quei numeri così alti di vaccinati anche con le terze dosi, ma siamo ancora lontani. Forse arriveremo all’85% di terze dosi ma dopo settimane molto difficili, per questo andavano limitati gli spostamenti anche durante le festività solo a chi aveva il massimo della copertura vaccinale. Oggi serve avere il polso duro, andare avanti con le terze dosi, convincere chi ancora pone resistenze alla prima dose e se ogni tanto è necessaria qualche restrizione mirata serve il coraggio di farla. È la vita al tempo del Covid-19″, queste le parole di Boccia in un’intervista a Radio Radicale.

Potresti leggere

È morta Carla Fracci, la Regina della danza era malata da tempo

E’ morta a Milano Carla Fracci. Avrebbe compiuto 85 anni il prossimo…

Negoziati flop, Macron avverte: “Europa non entrerà in guerra con Putin”

L’Europa non entrerà in guerra direttamente con la Russia perché “una guerra…

Coronavirus, contagi e ricoveri in calo: i morti sono 251

Continua a calare il tasso di positività in Italia dove nelle ultime…