Il Consiglio dei ministri che si è riunito questa mattina ha dato il via libera al decreto legge di proroga dei termini.

Nel testo, a quanto apprende l’ANSA, non è stata inserita la norma, oggetto di approfondimenti tecnici nelle ultime ore, sulla proroga delle concessioni balneari e per gli ambulanti. L’intervento avrebbe dovuto tra l’altro ovviare alle sentenze del Tar che, sulle concessioni per le spiagge, si scontrano con la proroga delle concessioni in contrasto con la normativa Ue.

Stop all’obbligo di smart working al 50% per i dipendenti pubblici

Niente obbligo di far lavorare in smart working un dipendente pubblico su due, né durante l’emergenza né con l’adozione dei Pola, i piani organizzativi per il lavoro agile: secondo la bozza in entrata in Cdm del decreto proroghe, infatti, lo smart working si potrà proseguire in deroga fino alla definizione delle nuove regole con il contratto nazionale e comunque non oltre la fine dell’anno, ma non ci sarà il vincolo del 50%.

Salta anche il limite del 60% indicato nei Pola, mentre scende dal 30% al 15% la soglia minima in caso di mancata adozione dei Piani organizzativi.

 

Seguici sulla nostra Pagina Facebook Il Rinascimento.

Potresti leggere

Turismo invernale, scatta l’allarme per la crisi: “Stagione fallita”

Il comparto turistico invernale “soffre oggi alcuni miliardi di mancato fatturato e…

Saldi, da domani partono in alcune regioni: calendario frammentato nel Paese

Al via da domani i saldi invernali che per effetto della situazione…

Bollette, l’ultimo ‘regalo’ del 2020: aumenti in arrivo per luce e gas

Bollette luce e gas, aumenti in arrivo nei primi 3 mesi del…