Berlusconi

Si preannuncia di fuoco il vertice di centrodestra di oggi a Montecitorio sui nodi della premiership e dei collegi uninominali. Districarsi tra le pieghe e le trappole del Rosatellum non è facile per nessuno, figuriamoci per una coalizione, di fatto spaccata dai tempi del Mattarella bis, ma ricompattata dal voto anticipato dopo la caduta del governo Draghi e costretta alla coabitazione forzata per vincere le elezioni del 25 settembre. C’è innanzitutto la questione della regola del ‘chi ha più voti si prende palazzo Chigi’, introdotta alle precedenti politiche del 2018 e oggi messa in discussione, più o meno apertamente, da Fi e Lega di fronte alla prospettiva di Giorgia Meloni premier, favorita dai sondaggi che la danno tra il 23 e il 25 per cento. Per evitare lo scontro frontale in queste ore si starebbe pensando addirittura di rinviare il confronto su questo tema divisivo a dopo le urne o di ricorrere a un escamotage: prima del voto ognuno propone il suo candidato premier e poi si vede. Quanto all’altra gatta da pelare, il risiko dei collegi, qui la questione è più complicata, perché ci sono più incognite: la quota del 33% ripartita tra Lega Fi e Fdi, raccontano, non sarà accettata dai meloniani, che fanno valere il loro ‘primato’ di consensi secondo le ultime rilevazioni. Non solo, ma poi c’è il problema dei centristi: in un primo momento si era parlato di Udc e Noi per l’Italia considerati in quota Fi, poi le cose sono cambiate e sembra che sia Lorenzo Cesa che Maurizio Lupi siano intenzionati a presentare il loro simbolo per non stare sotto il ‘cappello di Forza Italia’.

Si preannuncia di fuoco il vertice di centrodestra di oggi a Montecitorio sui nodi della premiership e dei collegi uninominali. Districarsi tra le pieghe e le trappole del Rosatellum non è facile per nessuno, figuriamoci per una coalizione, di fatto spaccata dai tempi del Mattarella bis, ma ricompattata dal voto anticipato dopo la caduta del governo Draghi e costretta alla coabitazione forzata per vincere le elezioni del 25 settembre. C’è innanzitutto la questione della regola del ‘chi ha più voti si prende palazzo Chigi’, introdotta alle precedenti politiche del 2018 e oggi messa in discussione, più o meno apertamente, da Fi e Lega di fronte alla prospettiva di Giorgia Meloni premier, favorita dai sondaggi che la danno tra il 23 e il 25 per cento. Per evitare lo scontro frontale in queste ore si starebbe pensando addirittura di rinviare il confronto su questo tema divisivo a dopo le urne o di ricorrere a un escamotage: prima del voto ognuno propone il suo candidato premier e poi si vede. Quanto all’altra gatta da pelare, il risiko dei collegi, qui la questione è più complicata, perché ci sono più incognite: la quota del 33% ripartita tra Lega Fi e Fdi, raccontano, non sarà accettata dai meloniani, che fanno valere il loro ‘primato’ di consensi secondo le ultime rilevazioni. Non solo, ma poi c’è il problema dei centristi: in un primo momento si era parlato di Udc e Noi per l’Italia considerati in quota Fi, poi le cose sono cambiate e sembra che sia Lorenzo Cesa che Maurizio Lupi siano intenzionati a presentare il loro simbolo per non stare sotto il ‘cappello di Forza Italia’.

Potresti leggere

Ragazzo di 16 anni picchiato da 5 coetanei fuori scuola finisce in ospedale, indagini in corso

Sarebbe stata una vera e propria spedizione punitiva quella avvenuta martedì mattina…

Guerra e fame, l’allarme di Macron: “Tra un anno cibo scarseggerà”

L’Europa e l’Africa saranno “molto destabilizzate sul piano alimentare” nei prossimi 12-18…

Lo zampino del Cremlino sulla crisi di governo, scatta la polemica nella Lega

“Le notizie apparse sul quotidiano La Stampa, circa l’attribuzione all’intelligence nazionale di…